I droni dell’impero bersagliano le aree tribali del Pakistan

3 novembre 2011 | Autore |

Di Rezaul H Laskar, traduzione a cura di N. Forcheri

Islamabad, 1 Nov.  Un adolescente pakistano, che aveva partecipato recentemente a una manifestazione contro gli attacchi dei droni statunitensi, è rimasto ucciso da un attacco di velivoli da spionaggio operati dalla CIA nell’area tribale del Nord del Waziristan, ha dichiarato un militante anti attacchi missilistici oggi.

Il sedicenne Muhammad Tariq del Nord del Waziristan si era unito a centinaia di uomini delle tribu che manifestavano contro gli attacchi dei droni nella capitale pakistana venerdì scorso. I manifestanti chiedevano un immediato stop degli attacchi, dichiarando che sono la causa di morte di numerosi civili.

Tariq è rimasto ucciso assieme a suo cugino Waheed, di 12 anni, in un attacco di un drone statunistense la notte scorsa vicino a Mirali, una città chiave per l’ente tribale recalcitrante del Nord Waziristan, ha detto Karim Khan che sta conducendo una campagna contro gli attacchi dei missili.

Khan, che appartiene alla tribu di Mirali, aveva perso suo figlio in un attacco di un drone l’anno scorso.

Ha inoltrato una denuncia contro il capo dell’ex stazione CIA e contro numerosi alti ufficiali statunitensi presso una questura di Islamabad per quello che ha definito l’omicidio di persone innocenti delle tribu negli attacchi dei droni.

Almeno quattro persone sono rimaste uccise la notte scorsa nell’ultimo attacco di un drone su una casa e un veicolo, secondo i comunicati della stampa locale.

Era il quarto attacco nel Waziristan in cinque giorni.

Domenisca scorsa, aerei americani da spionaggio hanno lanciato sei missili su una casa nel Nord Waziristan uccidendo come minimo sei persone.

Almeno 11 persone, ivi compreso un comandante talibano importante, sono rimaste uccise in due attacchi nel Sud e nel Nord del Waziristan giovedì scorso.

Gli Stati Uniti hanno aumentato il numero di attacchi con i droni nei mesi scorsi nonostante l’opposizione del governo pakistano.

Il Primo ministro Yousuf Raza Gilani ha dichiarato sabato che non era stato rilasciata alcuna autorizzazione agli Stati Uniti di lanciare attacchi di droni su bersagli del territorio pakistano.

Gilani, che era in Australia per la Riunione governativa dei capi del Commonwealth, ha dichiarato agli espatriati pakistani che gli attacchi dei droni sono controproducenti perché causano danni collaterali e minano le azioni del suo governo tendenti a raccogliere adesioni contro gli estremisti e i terroristi.

Ha aggiunto che gli attacchi dei droni sono una delle ragioni del degrado delle relazioni tra il Pakistan e gli USA.

L’aviazione statunitense di spionaggio porta avanti attacchi missilistici su base abituale bersagliando le aree tribali che la CIA ha descritto come un rifugio sicuro per soggetti talibani e di Al Qaeda.

fonte:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...