La fabbrica delle nuvole

23 novembre 2011 | Autore |

Nel 1981, in tempi non sospetti, quando ancora Eduard Teller [1] non aveva proposto a Ronald Reagan di dare avvio ad un progetto di manipolazione del clima mondiale, partecipai ad un concorso fotografico inviando la foto di una centrale nucleare tedesca, che emetteva nell’atmosfera grandi quantità di vapor acqueo. Era la prima volta che vedevo un simile mostro e pensai che “La fabbrica delle nuvole” fosse un titolo appropriato e poetico. Trent’anni dopo, mi sono accorto che le emissioni di gas antropici nell’aria, oltre a far cambiare colore alla falena Biston betularia in Inghilterra [2] o a far morire le conifere in Germania [3], sta uccidendo la gente. Se prima erano solo i pesci nei laghi resi sterili dagli acidi di ricaduta, o gli abeti della Foresta Nera, oggi le vittime hanno nomi e cognomi e muoiono annegate nel fango in Giappone, in Thailandia (più di 500 morti), nel resto dell’Indocina, negli USA e pure in Europa.

Limitandoci alle vittime di casa nostra e solo per le ultime settimane, un macabro e provvisorio elenco riporta:

– dodici morti nel levante ligure e in Lunigiana [4];

– sei a Genova città [5];

– uno a Roma [6];

– due in Calabria [7];

– tre a Messina [8].

In ambito “complottista”, dove si cerca di capire i retroscena e le vere cause dei fenomeni e non ci si accontenta delle versioni ufficiali, si stanno delineando diverse scuole di pensiero.

 

C’è chi riconosce solo nel dissesto idrogeologico la causa delle frane a Genova e nel Meridione d’Italia, e sono i meno “complottisti” di tutti. C’è chi abbina le cause classiche del dissesto idrogeologico a una vaga interferenza da parte delle scie chimiche, e sono i “complottisti” moderati. Ma c’è anche chi va oltre e, a tutto quanto detto fin qui, aggiunge H.A.A.R.P. e la macchina J-2X, in dotazione alla NASA per produrre pioggia artificiale. In quest’ultimo caso siamo di fronte ad un “complottismo” spinto e, siccome sui giornali della Corrente Principale (mainstream) si parla poco di H.A.A.R.P. e ancor meno di J-2X, vale la pena approfondire.

Il centro di antenne alte ventun metri, in uso alla Marina degli Stati Uniti in Alaska si basa sulla fisica dell’elettromagnetismo ed è accusato di riscaldare la ionosfera, ovvero di deviare le correnti a getto. Ma è accusato anche di causare terremoti nel momento in cui indirizza la sua potenza verso il sottosuolo anziché verso il cielo. Non entro nel merito, perché vorrei concentrare l’attenzione sull’apparecchiatura chiamata J-2X, in grado di creare nuvole cariche di pioggia e di spingerle in una certa direzione.

A giudicare dalle immagini satellitari, sembra che nelle ore antecedenti l’alluvione di Roma si sia generata una perturbazione da un punto preciso del mar Tirreno. A parlarne è stato l’esperto di meteorologia Rosario Marcianò, in questo suo interessante articolo:

http://tankerenemymeteo.blogspot.com/2011/11/scie-chimiche-in-parossistico.html

Da vedere assolutamente il video dove l’apparato J-2X viene fatto funzionare. Davvero impressionante! Anche nell’articolo di Massimo Mazzucco, e nella discussione che ne è seguita, si sono contrapposte differenti teorie:

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3873

Immaginiamo che la macchina J-2X sia stata caricata su una nave e sia stata fatta funzionare nel punto del Tirreno dove sembra originarsi la perturbazione. La prima domanda che viene spontanea è perché gli americani, che sono nostri alleati, dovrebbero creare piogge torrenziali con danni di milioni di euro alla capitale d’Italia. Al che verrebbe spontaneo rispondere che l’Italia non è un alleato alla pari con gli USA ma un semplice vassallo e che l’ordine di scatenare tonnellate d’acqua su Roma potrebbe essere stato impartito da vertici massonici dell’esercito e della US-Navy allo scopo di lanciare un messaggio in codice, come sono soliti fare i massoni. E il codice non sarebbe neanche troppo oscuro se pensiamo che con i disastri artificiali derivanti dal mal tempo, la piramide degli Illuminati sta facendo pressione ai governanti italiani affinché cedano gli ultimi gioielli dell’economia ancora di proprietà pubblica, magari insieme alla sovranità popolare.

I disastri sarebbero solo una manovra a tenaglia e l’altra morsa sarebbe il colpo di stato derivato dall’elezione antidemocratica di Mario Monti. Anche se il piano per il completo dominio del clima mondiale prevede la piena realizzazione entro il 2025, non significa che le tecnologie per attuare terremoti, siccità o tempeste mirate non siano già state messe a punto. All’obiezione che una macchina J-2X come quella mostrata nel filmato non avrebbe potuto generare un fronte di centinaia di chilometri e una potenza tale da produrre quel diluvio su Roma che poi si è visto, Massimo Mazzucco e altri utenti del suo sito hanno convenuto che, a fronte di una macchina così data in pasto all’opinione pubblica (neanche a tutta ma solo a quella parte che svolge ricerche), devono esistere macchinari segreti di una potenza di fuoco e di una raffinatezza tecnologica che nemmeno c’immaginiamo. E questo è del tutto verosimile se pensiamo al computer nato come strumento di guerra e agli ultimi ritrovati tecnologici messi sul mercato in maniera progressivamente centellinata.

Alla domanda su quale scopo avrebbero gli USA a creare disastri in giro per il mondo, compreso il loro stesso territorio, si può rispondere anche con l’effetto di manipolazione psicologica delle masse, che saranno sempre più spesso indotte a pensare che per problemi globali c’è bisogno di soluzioni globali. Che possono arrivare solo da un governo globale. Ovvero dal NWO.

E’ di oggi la notizia che l’Europa necessiti di un unico sistema fiscale europeo. Ormai è diventata la parola d’ordine. Non si deve dimenticare che l’unione europea è solo un passaggio per il nuovo ordine mondiale. Il fatto poi che i disastri colpiscano anche il territorio americano, può significare che l’élite mondialista non si riconosce e non coincide con il governo degli Stati Uniti, ma è costituita da membri di diverse nazioni, la cosiddetta nobiltà nera, e ci sono buone probabilità che siano anche imparentati tra loro, con prevalenza di sangue ebraico. David Icke direbbe rettiliano.

Su quanto è successo in Liguria, anche se non sono disponibili immagini satellitari in cui si veda la perturbazione nascere in un luogo preciso, possiamo tranquillamente concludere che, per la sua idrografia, la piccola regione nordoccidentale è la vittima sacrificale di questo ipotetico gioco al massacro. L’incuria, la speculazione edilizia e il disboscamento hanno senz’altro pesato sulle cause dell’alluvione, ma l’ipotesi che le forti irrorazioni artificiali compiute su Lombardia e Veneto (non uso Triveneto perché espressione rozza e offensiva) abbiano formato una barriera in quota, impedendo il naturale spostamento delle nubi temporalesche, che si sono arrestate sul levante ligure, scaricando tutta l’acqua di cui erano cariche, resta valida.

In questo caso, il macchinario J-2X può non esser stato necessario e la perturbazione potrebbe essersi formata spontaneamente sul Tirreno ed essersi diretta verso la Liguria. Ciò non di meno, restano principali sospettate le scie chimiche, i cui mandanti sono gli stessi che gestiscono il clima mondiale e manovrano navi militari. L’accusa ufficiale rivolta al surriscaldamento della Terra serve a nascondere i loro crimini ambientali. Dando la colpa alle emissioni di anidride carbonica da parte del traffico veicolare privato, con la complicità dei mass-media della Corrente Principale, si distoglie l’attenzione dai veri responsabili e si spinge la popolazione ad affidarsi a loro per chiedere sicurezza e protezione. Ovvero, paradossalmente, la popolazione chiede di essere protetta proprio a chi la sta assassinando. E’ come pagare i posteggiatori abusivi, affinché sorveglino l’auto dai malintenzionati che potrebbero rubarla o graffiarla, con la differenza che in questo caso l’automobilista sa che a rubarla o a danneggiarla sarebbero proprio i posteggiatori stessi, mentre nel caso di chi scatena terremoti, siccità e alluvioni la gente non sospetta che gli autori siano proprio coloro a cui prima o poi finirà per chiedere protezione.

Se trent’anni fa pensavo che “La fabbrica delle nuvole” potesse essere solo un’espressione poetica, oggi siamo alla tragica situazione in cui i padroni di fabbriche sono diventati anche padroni del cielo, della terra e di tutti i fenomeni climatici. Il sogno delle streghe che si diceva fossero capaci di scatenare tempeste, sembra sia stato quasi del tutto implementato dai moderni stregoni del governo ombra.

Note:

[1] http://www.tankerenemy.com/2010/03/il-giorno-in-cui-edward-teller-illustro.html

[2] http://www.darwinweb.it/files/Majerus%20%20betularia.pdf

[3] http://nuke.catfishingitalia.it/EcologiaInquinamento/PioggeAcide/tabid/492/Default.aspx

[4] http://www.corriere.it/cronache/11_novembre_10/alluvione-vernazza-identificato-cadavere-costa-azzurra_859af6cc-0ba1-11e1-a5e8-cd9b2a0894cc.shtml

[5] http://genova.repubblica.it/cronaca/2011/11/15/news/maltempo_-25057116/index.html?ref=search

[6] http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=168030&sez=HOME_ROMA&ssez=CITTA

[7] http://www.corriere.it/cronache/11_marzo_01/frana-travolge-auto-reggio-calabria_90fcadac-43e3-11e0-b1c1-dd3fc08b55ae.shtml

[8] http://www.corriere.it/cronache/11_novembre_23/alluvione_messina_morti_f6ee22a4-156a-11e1-9140-38f81e7faa5e.shtml

Pubblicato in Ambiente, COLPO DI STATO, Controllo USA, Cronaca, Depistaggi e false flag, Disastri, Disinformazione, Dominio delle masse, Global Warming/Cooling, HAARP, illuminati, NATO, NWO, Scie chimiche, Sterminio, Tecnologia, Territorio

Un Commento a “La fabbrica delle nuvole”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...