Concordia, mancano all’appello 28 persone Costa: “Noi non nascondiamo verità”

Microcariche esplosive per aprire i varchi dello scafo della Concordia

“Ero io al comando della nave al momento dell’impatto con lo scoglio”. Francesco Schettino conferma al gip quanto detto al pm nel primo interrogatorio subito dopo la manovra disastrosa che venerdì notte ha causato il naufragio della nave da crociera ‘Concordia’, causando 11 morti e 22 dispersi. Ma il comandante, che è stato sottoposto a esami tossicologici, durante l’interrogatorio di garanzia per la convalida del fermo, nega di aver abbandonato la nave prima degli altri passeggeri. Anzi, si difende affermando: “Ho salvato, centinaia, migliaia di persone”.Un’affermazione che pare cozzare completamente con quanto emerso dalla conversazione resa pubblica da Il Corriere della Sera (ascolta l’audio). Il gip ha deciso per Schettino la concessione degli arresti domiciliari scatenando l’incredulità del procuratore Verusio: “Vedremo domani le motivazioni del giudice”. In serata la prefettura di Grosseto ha diffuso sul proprio sito l’elenco delle 28 persone da rintracciare (leggi tutti i nomi). I dati, si specifica, “tuttora in corso di aggiornamento, potrebbero risultare utili ai fini della ricerca dei cittadini italiani e stranieri”. Secondo quanto viene reso noto, 4 dispersi sono membri dell’equipaggio, mentre gli altri 24 sono passeggeri tra cui 6 italiani. Durante la giornata sono andate avanti le operazioni di soccorso nel relitto della nave. Cariche esplosive sono state usate per aprire sette varchi nello scafo. I sommozzatori hanno ritrovato altri cinque corpi dopo che ieri le operazioni di salvataggio erano state sospese per qualche ora a causa del mare agitato (leggi la cronaca di ieri). Il tempo, però, stringe. L’imbarcazione, che ieri si è mossa di nove centimetri, è appoggiata su un precipizio di oltre settanta metri. Basta poco per farla scivolare nell’abisso. Domani intantola Smit comincerà a estrarre le 2 mila e 380 tonnellate dal serbatoio della Costa Concordia: per terminare le operazioni ci vorranno dalle due alle quattro settimane. Domani pomeriggio il ministro dell’Ambiente Corrado Clini riferirà nell’Aula alla Camera mentre giovedì prossimo il ministro dello Sviluppo Corrado Passera terrà un’informativa alle 16.30.

fonte:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...