MORIRO' PER RESTITUIRE LA SOVRANITA' AL POPOLO.

ATTENZIONE VI PREGO FARLA GIRARE ALLE ISTITUZIONI E ALLA STAMPA Grazie.
MORIRO’ PER DARE LA SOVRANITA’ AL POPOLO ITALIANO ONESTO.
MI CHIAMO GAETANO FERRIERI, SONO NATO A BELLUNO ,IL 6/07/1957 , SONO DOMICILIATO IN VIA ALCIDE DE GASPERI,7 . ROSATE . MILANO
DICHIARO A FAR DATA DAL 26/03/2012 LA MIA CONDIZIONE DI PRIGIONIERO POLITICO IN PATRIA.
C’è un’emergenza Democratica in atto nel nostro Paese. Le Istituzioni sono chiamate a rispondere immediatamente ai continui attacchi perpetrati agli articoli della nostra Carta Costituzionale che è legge fondamentale e inviolabile della Stato. La Democrazia Italiana è stata conquistata con il sangue versato nella Resistenza .In questo momento la mia presenza è testimonianza che sia possibile riunirsi in un supremo sforzo per arrestare il declino e ristabilire le condizioni di Dignità Onore e Libertà nel nostro Paese.

DENUNCIO ALLE ISTITUZIONI E ATTENDO UNA RISPOSTA , PER LE SEGUENTI IPOTESI DI REATO :

Alto tradimento (art.90 Costituzione);
violazione della sovranita’ popolare (art. 1 Costituzione);
violazione dei diritti inviolabili dell’uomo, del principio di eguaglianza, e di quello dell’assistenza per i disabili (2,3,38 Costituzione);
diritto al lavoro e indivisibilita’ della Repubblica (art. 4 e 5 Costituzione );
ineleggibilita’ e incompatibilita’ dei componenti delle Camere (art 66.Costituzione );
Obbligo di obbedienza alla Repubblica (art.54 Costituzione);
Concorso formale in reato continuato (art.81 c.p.);
Circostanze aggravanti (art.112 c.p.);
Attentato contro l’integrità l’indipendenza e l’unità dello Stato (art.241 c.p.);
Intelligenze con lo straniero a scopo di guerra contro lo Stato italiano (art.243 c.p.);
Corruzione del cittadino da parte dello straniero (art.246 c.p.);
Infedeltà in affari di Stato (art.264 c.p.);
Attentato contro la Costituzione dello Stato (art.283 c.p.);
Usurpazione di potere politico (art.287 c.p.):
Attentati contro i diritti politici del cittadino (art.294 c.p.);
Corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio (art.319 c.p.);
Corruzione di persona incaricata di pubblico servizio (art.320 c.p.);
Abuso d’ufficio (art.323 c.p.);
Omissione di atti d’ufficio (art.328 c.p.);
Interruzione d’un servizio pubblico o di pubblica utilità (art.331 c.p.);
Usurpazione di funzioni pubbliche (art. 347 c.p.);
Associazione a delinquere (art.416 bis);
Circostanze aggravanti (art.456 c.p.);
Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti e certificati pubblici (art.476 ,477,479,480,481 c.p.);
Falsità ideologica commessa dal privato in atti pubblici (art.483 c.p.);
Falsità commesse da pubblici impiegati incaricati di un pubblico servizio (art. 493 c.p.)
Istigazione al suicidio (art.580 c.p.);
Riduzione in schiavitù (art.600 c.p.);
Furto (art.624 c.p.);
Truffa (art.640 c.p.);
Abuso della credulità popolare (art.661 c.p.);

Ho 54 anni ,dal 4 Giugno vivo in una tenda posizionata in piazza Montecitorio per denunciare la corruzione , la collusione mafiosa e massonica esistente nei palazzi del potere .Dopo aver denunciato i malfattori e rivelato brogli nel Coni sono stato estromesso dal ruolo , con la barbarie tipica di un sistema che premia i disonesti e allontana , emargina le persone per bene e che hanno come valore il senso di giustizia incondizionato.Chiedo che vengano applicate le istanze che che ho promosso e presentato in base all’aricolo 50 della costituzione Italiana, riguardanti i tagli ai costi della politica e provvedimenti chiari ed approfonditi sulle modalita’ di rinnovamento dell’assetto giuridico -politico -economico per evitre che la corruzione perpetui indisturbata e per proporre un modello societario fondato sulla partecipazione popolare alla Res Publica .Mai nella storia una persona ha occupato fisicamente e continuativamente quella piazza, ottenendo l’autorizzazione con la scelta dello sciopero della fame , per rivendicare legittimi e condivisibili diritti che dovrebbero essergli elargiti naturalmente in uno stato civile, democratico e di diritto come si direbbe essere il nostro ancora sulla carta .
Questa dimostrazione pare essere invisibile , non solo agli occhi dei potenti ma anche a quelli di coloro che dovrebbero divulgare l’informazione. La mia presenza in Piazza Montecitorio, a Roma, ESPRESSIONE MAXIMA DI RESISTENZA ai signori del Governo e del Parlamento, una denuncia e un monito: gli Italiani non accettano e non accetteranno mai questa dittatura di banche e oligarchi perpetuata ai danni del popolo. Lottero’ con ogni mezzo, finche’non ci riappropieremo della sovranita’ politico-economica sella nostra amata e depauperata , saccheggiata Italia .
Ciò detto mi aspetto soprattutto da Voi, signori Direttori delle testate giornalistiche (carta stampata, televisioni e radio), da Voi Autorità laiche grande attenzione e comprensione. Dichiaro sin d’ora la nostra disponibilità ad incontri chiarificatori e preciso che non accettero’ tra le file dei molteplici Italiani onesti che mi sostengono e lottano con me, nessuna forza organizzata, sindacale o politica che sia, che a nostro avviso, sia facilmente individuabile come parte responsabile dello sfascio sociale ed economico in cui è stata ridotta l’Italia in questo dopoguerra.
Signori in indirizzo, la mia azione mira ad evidenziare e a denunciare i gravi disagi ai quali ci siamo riferiti nella stesura di questo documento. Per me, mettere le cose a posto significa innanzitutto ridare dignità a chi soffre (agli invalidi, ai vedovi ed alle vedove, agli anziani, agli sfortunati colpiti da malattie più o meno gravi, agli espulsi dal mondo del lavoro privi di ogni tipo di cura e di assistenza, ai giovani alla ricerca di occupazione, ecc.), significa dare ai pensionati la speranza dell’adeguamento della loro pensione al costo della vita, significa ridimensionare il potere dei furbi e dare la possibilità a chi merita di non essere intralciato, ma agevolato, significa impegnarsi per una reale riduzione del carico fiscale, per ridare fiducia agli investitori, eliminando ogni legge iniqua che serve soltanto a limitare la libertà ,minare la dignita’ alle persone normali, serie ed oneste. Signifiva instaurare la democrazia diretta .
Non mi fermero’ , continuero’ fino alla morte . Avete una grossa responsabilita’ , desidero informarvi e chiedo il Vostro contributo , sperando che leggiate questa “lettera aperta”. Chiede particolare aiuto a chi è consapevole dei poteri che gestisce. La libertà di comunicazione rientra fra questi poteri. Chi lo detiene non può esimersi dal registrare, commentare ed agevolare le azioni e l’impegno di quanti con sacrificio cercano di dare il proprio contributo, senza gravare sulle vuote casse dello Stato, per il rinnovamento dello Stato e l’affermazione di una giustizia sociale più giusta per i deboli e più severa per i potenti.
In fede il Cittadino Gaetano Ferrieri ,3336677839

Annunci

4 thoughts on “MORIRO' PER RESTITUIRE LA SOVRANITA' AL POPOLO.

  1. argomenti assolutamente leggittimi, ma la democrazia ed i nostri naturali diritti, sono solamente concetti messi dai governi con lo scopo illusivo di libertà e sensazione di gestione (tramite il voto)
    Quindi viene da sé che il popolo non è più sovrano ma burattino, gestito all’occorrenza.

    • infatti, l’unica e sperare che la maggioranza delle persone si svegli, e magari la divulgazione di queste notizie, può aiutare in tal senso, spero! grazie per essere passato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...