ECCO UN VIDEO ILLUMINANTE!! El concursante – COMPLETO ITA (GUARDATELO)

Durissima critica al sistema finanziario, film imperdibile. La storia di una persona che vince un premio miliardario in tv, ma che poi scopre che essere miliardario costa. Questo film mette in evidenza la burocrazia, e le falle del sistema BANCARIO. L’USURA LEGALE CHE PIAN PIANO, RIDUCE LE PERSONE ALLA SCHIAVITU’. Film di Rodrigo Cortés; con Leonardo Sbaraglia, Chete Lera, Myriam Gallego y Luis Zahera.Audio spagnolo con sottotitoli in italiano.
Memorabile la parte in cui un esperto economista indipendente spiega al protagonista come sia in realtà il sistema di creazione della moneta e del debito pubblico ad essa inevitabilmente connesso.Qualità video discreta,audio buono ma solo in spagnolo.

Il marchio delle bestia (microchip Rfid) per i passaporti elettronici italiani

25 giugno 2012 | Autore |

Articolo segnalato da footam.

, società del gruppo specializzata nella realizzazione e gestione di servizi e soluzioni di sicurezza on-line, si è aggiudicata la gara annuale, indetta da Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, per la fornitura di un milione di microchip da integrare in contactless, basati su tecnologia Rfid.

All’interno dei microchip saranno memorizzate le informazioni personali dell’intestatario del documento, i dati relativi all’utilizzo del passaporto e la firma digitale dell’autorità che lo ha rilasciato, incrementando così il livello di sicurezza del documento e riducendo il rischio di contraffazione.

Il sistema Rfid consente, inoltre, l’identificazione e la lettura delle informazioni memorizzate sul senza la necessità di alcun contatto, attraverso l’utilizzo di appositi lettori.

La tecnologia offerta da Actalis è conforme alle norme internazionali che stabiliscono gli standard di qualità per i microchip impiegati nei passaporti elettronici.

Giorgio Girelli,  direttore generale di Actalis, ha commentato con entusiasmo il conseguimento del contratto di fornitura. “Siamo molto soddisfatti di aver ottenuto questo incarico…  è la dimostrazione di quanto siano valide ed affidabili le soluzioni che proponiamo al mercato”.

Fonte: techeconomy.itLink

Passaporti elettronici, Actalis vince la gara del Poligrafico

IDENTITA’ DIGITALE

L’azienda del gruppo Aruba si aggiudica la commessa annuale per la fornitura di un milione di microchip per la realizzazione di documenti elettronici contactless basati su tecnologia Rfid

Un milione di passaporti elettronici. Questa la commessa affidata ad Actalis, società del Gruppo Aruba specializzata in servizi e soluzioni per la sicurezza online e firma digitale, che ha vinto la gara indetta dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per la fornitura di microchip per la realizzazione di un milione di passaporti elettronici. L’affidamento della commessa durerà 12 mesi.

All’interno degli inlay per microchip saranno memorizzate, in forma digitale, le informazioni sull’intestatario del documento, ma anche i dati relativi all’utilizzo del passaporto e la firma digitale dell’autorità che lo ha rilasciato, conferendo così un elevato livello di sicurezza e riducendone il rischio di contraffazione.

La tecnologia fornita da Actalis è conforme alle norme Iso 14443 e Iso 10373-6 e alle specifiche Icao (International Civil Aviation Organization) che definiscono gli standard di qualità dei microchip “contactless” per i passaporti elettronici, riconosciute a livello mondiale. Il sistema RFId consente di identificare le informazioni memorizzate all’interno del microchip in modo automatico grazie all’utilizzo di appositi lettori, in grado di agire a distanza.

Giorgio Girelli,  direttore generale di Actalis, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti di aver ottenuto questo incarico: sapere che i passaporti elettronici dei cittadini Italiani saranno realizzati con le nostre tecnologie ci rende estremamente orgogliosi. La  nostra crescita continua nell’ambito delle tematiche della “Digital Identity” è la dimostrazione di quanto siano valide ed affidabili le soluzioni che proponiamo al mercato, da oggi a servizio anche dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato”.
Fonte:

Una Donna e il futuro del mondo

Questa donna si porta appresso il futuro del mondo. E’ stata assunta da due giovani turchi.

 

Ho scelto quest’immagine, e la notizia che il messaggio annuncia, perchè mi sembra che rappresenti una eccezionale sintesi che ben rappresenta i mali d’Europa e ci mostra inequivocabilmente come, in questo momento, in tutto il pianeta, sia in atto una volontà politica di non risolvere un bel nulla.
La donna che vedete in bacheca è una normale modella professionista, scelta apposta per catturare l’attenzione. E’ stata consigliata da esperti pubblicitari e mi auguro davvero che possa portare fortuna.
Ciò che conta è l’oggetto che la donna sta trascinando.
Sembra una normale grande valigia.
Non lo è.
Vediamo un po’ se riuscite a indovinare.
Osservate con grande attenzione l’immagine prima di proseguire nella lettura e cercate –se vi riesce- di capire che cosa sia.
E’ un oggetto che potrebbe risolvere diversi problemi molto seri nella vita di tutti.
E’ il frutto dell’investimento di idee, merito, competenza tecnica di due europei.
E’ il risultato di studi molto seri realizzati in una grande città italiana.
L’oggetto misterioso ha avuto un enorme successo, durato 48 ore.
Poi, è stato deciso e scelto di silenziarlo.
Ecco di che cosa si tratta.
“E’ un’automobile”. Continua a leggere

L’EURO E’ CROLLATO !!!…

L’EURO E’ CROLLATO !!!

L’EURO E’ CROLLATO…

ATTENZIONE …NON E’ URGENTE LO E’ DI PIU’………….
Fulvia Strippoli

E ‘con trepidazione che ti scrivo …. L’Euro è crollato ufficiosamente. Il denaro è OUT di Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, Italia, Francia, Belgio e le élite tedesche hanno iniziato a puntellare la loro ricchezza in attività dure e metalli preziosi. RBS ha dato ordine di chiudere due dei suoi principali settori azionari, migliaia di posti di lavoro saranno persi nei prossimi giorni / settimane. Credit Sussie ha invitato gli investitori migliori a testa per Svizzera porto sicuro e dure portafogli diversificati.

I controlli di capitale sono in atto per mantenere la farsa del controllo in corso per i prossimi quattro-sei mesi prima del crollo ufficiale. Steve … è questo. L’Euro è crollato e nessuno l’ha notato. Assalti alle banche greche sono vicino a $ 3,5 miliardi di euro al giorno non è la 1 miliardo di dollari che è stato segnalato. Il resto del PIIGS sono nella stessa barca. Bank Holiday imminente in tutta l’Europa continentale nei prossimi giorni e settimane. Questo è di nuovo teatralità di mantenere i plebei che credono in una parvenza di controllo.

Si prega di avvertire i vostri ascoltatori di tirare fuori tutto il loro account di banca di cui hanno bisogno. Conservare solo per pagare il giorno per giorno le spese. Se hanno terre in cui andare, si prega di farlo ora. Steve non so quanto tempo posso continuare a scrivere a voi. Sei stato buttato fuori linea durante il vostro spettacolo con i Haggmans destra prima stavano per divulgare quello che ti ho detto con il piano di salvataggio spagnolo. Si sta facendo pericoloso per tutti ora.

Ancora una volta l’Euro è crollato … ripeto l’euro è crollato. Ufficiosamente.

Che Dio ci aiuti tutti ….

VI PREGHEREI DI CONTROLLARE BENE ANCHE VOI ……..

………………..

Per salvare la Spagna, indebitano l’Italia!

http://www.byoblu.com/post/2012/06/13/Per-salvare-la-Spagna-indebitano-lItalia!.aspx

———————————————————————–

jhaines6.wordpress.com

This info was forwarded to me about 9:30 this evening, Pacific Time. I’ve waited until my guides finally told me it was no longer a maybe, but a fact. Sadly, it is obvious to me that the writ…

The Euro Has [Unofficially] Collapsed. . . NOTE: This is NOT the final red screen, June 14, 2012

Posted on June 15, 2012

This info was forwarded to me about 9:30 this evening, Pacific Time. I’ve waited until my guides finally told me it was no longer a maybe, but a fact. Sadly, it is obvious to me that the writer of this message is in great fear and has no spiritual knowledge and understanding of the significance of what is occurring.

I’m going to try to get some sleep now, so that I will be up and in sync with East Coast time. Tomorrow is likely to be a busy day – and in the real world my dogs will still need to be walked. If anyone has anything to share, you all know how to put it in the Comments section, most likely of this post. That way everyone will have a chance to take a look.

Thanks and love and hugs to everyone,
~J

June 14, 2012

Steve,

It is with trepidation that I write to you….The Euro has collapsed unofficially. The money is OUT of Greece, Spain, Portugal, Ireland, Italy, France, Belgium and the German Elites have begun to shore up their wealth in hard assets and precious metals. RBS has given orders to close two of their major equities sectors, thousands of jobs are going to be lost the next few days/weeks. Credit Sussie has called on top investors to head to Swiss safe harbor and hard asset diversified portfolios.

The Capital Controls are in place to keep the charade of control going for the next four to six months before the official collapse. Steve…this is it. The Euro has collapsed and no one has noticed it. Greek bank runs are close to $3.5 Billion Euros per day not the $1 Billion that is being reported. The rest of the PIIGS are in the same boat. Bank Holiday imminent in all of continental Europe in the coming days and weeks. This is again theatrics to keep the plebeians believing in some semblance of control.

Please warn your listeners to pull out of their bank accounts everything that they need. Keep only to pay the day to day expenses. If they have land to go to, please do so now. Steve I do not know how much longer I can keep writing to you. You were knocked off line during your show with the Haggmans right before your were going to divulge what I have told you with the Spanish bailout. It is getting dangerous for all of now.

Again the Euro has collapsed…I repeat the Euro has collapsed. Unofficially.

May God Help Us All….

——————————————————————————–

LE BANCHE SONO PRONTE AL CRACK …ORA CHI NON CI CREDE FARA’ LA FINE DELL’ARGENTINA !!!
Beatrice Mummolo
Verso il fallimento: la fuga di capitali va avanti dalle banche italiane, Never Ending M1 Collapse.
http://www.italianscream.com/?p=606&utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+ItalianScream+%28Italian+Scream%29

Money: Italian Contribution to the Euro Area Monetary Aggregates (Rate Fluctuations out of 12 months)

(End of April 2012, updated Figures)

www.italianscream.com

Maybe not everybody knows that every month the Bank of Italy publishes in its internet site (Link) a monthly Supplement to the Statistic Report dealing with Money and Banks.
———————————————————————————————–
 TRADUZIONE ITALIANO :
L’euro ha [non ufficiale] Collapsed. . . NOTA: Questo NON è la schermata finale rosso, 14 giugno 2012
jhaines6.wordpress.com

Questa informazione è stata trasmessa per me 09:30 di questa sera, ora del Pacifico. Ho aspettato fino a quando le mie guide, infine mi ha detto che non era più un forse, ma un dato di fatto. Purtroppo, è ovvio per me che l’atto di citazione …

L’euro ha [non ufficiale] Collapsed. . . NOTA: Questo NON è la schermata finale rosso, 14 giugno 2012
Pubblicato il 15 giugno 2012
Questa informazione è stata trasmessa per me 09:30 di questa sera, ora del Pacifico. Ho aspettato fino a quando le mie guide, infine mi ha detto che non era più un forse, ma un dato di fatto. Purtroppo, è ovvio per me che l’autore di questo messaggio è in grande paura e non ha alcuna conoscenza spirituale e la comprensione del significato di ciò che sta avvenendo.

Io vado a cercare di dormire un po ‘adesso, così che sarò e in sincronia con il tempo East Coast. Domani è probabile che sia una giornata intensa – e nel mondo reale i miei cani devono comunque essere percorsa. Se qualcuno ha qualcosa da condividere, voi tutti sapete come mettere nella sezione commenti, più probabile di questo post. In questo modo tutti avranno la possibilità di dare un’occhiata.

Grazie e amore e abbracci a tutti,
~ J

14 GIUGNO 2012

Steve,

E ‘con trepidazione che ti scrivo …. L’Euro è crollato ufficiosamente. Il denaro è OUT di Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, Italia, Francia, Belgio e le élite tedesche hanno iniziato a puntellare la loro ricchezza in attività dure e metalli preziosi. RBS ha dato ordine di chiudere due dei suoi principali settori azionari, migliaia di posti di lavoro saranno persi nei prossimi giorni / settimane. Credit Sussie ha invitato gli investitori migliori a testa per Svizzera porto sicuro e dure portafogli diversificati.

I controlli di capitale sono in atto per mantenere la farsa del controllo in corso per i prossimi quattro-sei mesi prima del crollo ufficiale. Steve … è questo. L’Euro è crollato e nessuno l’ha notato. Assalti alle banche greche sono vicino a $ 3,5 miliardi di euro al giorno non è la 1 miliardo di dollari che è stato segnalato. Il resto del PIIGS sono nella stessa barca. Bank Holiday imminente in tutta l’Europa continentale nei prossimi giorni e settimane. Questo è di nuovo teatralità di mantenere i plebei che credono in una parvenza di controllo.

Si prega di avvertire i vostri ascoltatori di tirare fuori tutto il loro account di banca di cui hanno bisogno. Conservare solo per pagare il giorno per giorno le spese. Se hanno terre in cui andare, si prega di farlo ora. Steve non so quanto tempo posso continuare a scrivere a voi. Sei stato buttato fuori linea durante il vostro spettacolo con i Haggmans destra prima stavano per divulgare quello che ti ho detto con il piano di salvataggio spagnolo. Si sta facendo pericoloso per tutti ora.

Ancora una volta l’Euro è crollato … ripeto l’euro è crollato. Ufficiosamente.

Che Dio ci aiuti tutti ….

—————————

LE BANCHE SONO AL Pronte CRACK … ORA CHI NON CI CREDE FARA ‘LA FINE DELL’ARGENTINA!
Beatrice Mummolo
Verso il Fallimento: la fuga di capitalizzazione va avanti Dalle Banche italiane, Never Ending M1

Money: Contributo italiano agli aggregati monetari dell’area dell’euro (fluttuazioni Vota su un totale di 12 mesi)

(Fine aprile 2012, Dati aggiornati)

Verso il fallimento: la fuga di capitali va avanti dalle banche italiane, Never Ending M1 Collapse. | I
www.italianscream.com

Forse non tutti sanno che ogni mese la Banca d’Italia pubblica nel suo sito internet (Link), un supplemento mensile al rapporto statistico che fare con Moneta e Banche.

fonte:

FAR.FALLIRE.MONTI & IL GOVERNO DELLE BANCHE!!


Diario

Dopo avere aderito al Comitato Promotore del referendum per l’abrogazione delle 6 leggi regala-soldi alle banche, il Signor Alfonso Luigi Marra (Coordinatore del Comitato) mi ha trasmesso la seguente e-mail From: “Far.fallire.Monti” da diffondere sui blog.

Chiedo perciò al Gestore di darmene possibilità su “echidalgolfo”.
Testo:

“Carte di credito = signoraggio terziario, ovvero la principale forma di creazione elettronica di denaro dal nulla a vantaggio della banca che fa il pagamento”.
“Amici deputati e senatori, amici tutti delle organizzazioni contro il signoraggio bancario e cittadini, dobbiamo assolutamente impedire l’approvazione delle misure che Monti tenterà di far votare in blocco nell’interesse del suo mandante: la privata organizzazione criminale denominata BCE (sottolineo: privata perché di proprietà delle banche private, comprese le banche italiane proprietarie della Banca d’Italia, a sua volta proprietaria del 15% della BCE)”.
“Ciò specie in relazione alla norma con la quale Monti vuole vietare l’uso del contante oltre poche centinaia di euro”.
“Monti, infatti, vuole questa norma perché ogni pagamento con carta di credito costituisce ovviamente una creazione di denaro generato elettronicamente dal nulla a vantaggio della banca attraverso la quale si effettua il pagamento (signoraggio terziario)”.
“La banca, cioè, nel momento in cui paga, diviene creditrice nei confronti del suo cliente dell’importo che sta pagando per suo conto.
“Un pagamento che alla banca non costa null’altro che lo sforzo necessario per ‘pigiare’ (elettronicamente) dei tasti (denaro ‘non inverato’)”.
“Ne deriva che abbassare la soglia dei pagamenti elettronici significa aumentare enormemente la liquidità in denaro elettronico delle banche”.
“Un aumento che è immensamente maggiore delle cifre che Monti dice di voler far recuperare in termini fiscali”.
“Un aumento gravissimo perché produce un fortissimo incremento del denaro elettronico

 circolante ad opera di un soggetto privato e quindi non legittimato (le banche), e causerà quindi una proporzionale svalutazione”.
“Una strategia che, oltre a costituire un immenso regalo per le banche, serve poi anche ad aumentare il controllo delle banche sulla società”.
“Quanto alle altre norme, quelle ‘sacrificali’, sono tanto inutili quanto deliberatamente dannose”.
“Inutili perché causano risparmi irrisori di fronte alle enormi cifre con le quali si gioca attraverso l’incremento dei pagamenti elettronici o altri trucchi finanziari. Deliberatamente dannose perché le banche vogliono indebolire il più possibile la società per fini di dominio, giacché è palese che queste norme producono diminuzione dei consumi e quindi ulteriore crisi delle aziende, licenziamenti, malessere sociale, ecc.”.
“Il fatto che gli uomini della televisione e dei giornali concordino con queste misure è dovuto alla circostanza che questa è la condizione che devono accettare se vogliono apparire nei media e godere della vantaggiosissima notorietà di cui godono”.
Preciso bene: Il documento è stato redatto da A. L. Marra e divulgato dal Comitato per la lotta al signoraggio bancario primario, secondario e terziario.
From: “Far.fallire.Monti”

Franco Guerrera da Tortora.

L’equilibrio del terrore

Il ritorno alla guerra fredda e la possibilità che esploda una guerra termonucleare sono tornati alla ribalta, in quanto la Nato non è ancora riuscita a rassegnarsi all’idea che la leadership del pianeta è tornata ad essere multipolare.

Bene ha fatto quindi il Presidente Putin a ristabilire l’equilibrio del terrore, l’unica strategia in grado di evitare che, in un mondo stracolmo di armi sempre più sofisticate, qualche squilibrato, per mantenersi al potere, distrugga il pianeta e condanni a una tragica fine centinaia di milioni di esseri umani.

Il leader della Federazione Russa ha già ribadito in passato che, se la Nato non abbandonerà l’idea di installare lo scudo di difesa missilistica nell’Europa Orientale, lo distruggerà con un attacco preventivo. Adesso il ministro della Difesa, Anatoly Serdyukov, ha fatto sapere che la Russia ha realizzato un nuovo Sistema di attacco, l’InterContinental Ballistic Missiles (ICBM), capace di perforare lo scudo in una manciata di secondi, e lo ha testato con successo nella penisola della Kamchatka.

Questo dovrebbe far capire ai leader occidentali che Putin si sta beffando di loro, per cui non vale la pena continuare a sprecare risorse, perché le loro provocazioni renderanno ancora più drammatica la crisi economica dell’occidente e porteranno in ogni caso alla estinzione della specie umana.

fonte:

Terremoti artificiali ? Sentite cosa dice il Generale Mini

generale-mini.jpgdi Gianni Fraschetti –

L’ intervista che segue al Generale Mini e’ stata realizzata in tempi non sospetti, in essa si parla di cambiamenti climatici, di tsunami e di terremoti ed il Gen. Mini non ha nessuna difficoltao ad ammettere nella maniera piu’ chiara che tali eventi possono essere creati artificialmente e che rappresentano ormai l’ ultima frontiera degli armamenti delle superpotenze ed in special modo degli Stati Uniti.

Ma chi e’ Fabio Mini ?  Sono attendibili le sue parole ?

…….Dopo gli studi presso l’Accademia militare di Modena e la Scuola di Applicazione di Torino, si è laureato in Scienze strategiche per poi perfezionarsi in scienze umanistiche presso l’Università Lateranense e in Negoziato internazionale presso l’Università di Trieste.

Tra i vari incarichi è stato portavoce del capo di Stato maggiore dell’Esercito italiano e, dal 1993 al 1996, ha svolto la funzione di addetto militare a Pechino. Ha inoltre diretto l’Istituto superiore di stato maggiore interforze (ISSMI). Generale di corpo d’armata, è stato capo di Stato maggiore del Comando NATO per il Sud Europa e a partire dal gennaio 2001 ha guidato il Comando Interforze delle Operazioni nei Balcani. Dall’ottobre 2002 all’ottobre 2003 è stato comandante delle operazioni di pace in Kosovo a guida NATO, nell’ambito della missione KFOR.Commentatore di questioni geopolitiche e di strategia militare, scrive per Limesla Repubblica e l’Espresso, è membro del Comitato Scientifico della rivista Geopolitica ed è autore di diversi libri……… ( fonte: Biografia Fabio Mini Wikipedia )

Dunque l’ uomo e’ tutto fuorche’ un coglione che non sa pesare le parole o peggio non sa cio’ che dice. Mini sa perfettamente cosa dice e sa perfettamente come dirlo. Dobbiamo dunque presumere che quanto e’ contenuto in questa intervista sia vero, dalla prima parola all’ ultima…e francamente e’ agghiacciante

*****************************************

Intervistatrice: Buongiorno Generale Fabio Mini, una cortesia si può presentare, per cortesia, da solo: lei di che cosa si occupa e che cosa fa?

Gen. Mini: Beh sono un generale in cosiddetta ausiliaria, noi generali non andiamo mai in pensione: transitiamo dal servizio attivo a uno stato intermedio in cui siamo a disposizione dell’amministrazione e poi passiamo nella Riserva, che comunque sono tutti eufemismi per la pensione quindi sono un generale in pensione e mi occupo di collaborazione e diffusione su temi strategici, scrivo libri, faccio conferenze, do qualche consiglio a qualcuno che non li vuole e che non li vuole comunque ascoltare, ma io ci provo lo stesso, e mi sono impegnato anche un po’ nel campo, così, del sostegno umanitario: ho fondato insieme ad amici un’associazione che si chiama Peace Generation.

Intervistatrice: Ecco senta generale quando lei era attivo, mi sembra che sia più attivo anche adesso, ma quando era attivo in che settori soprattutto lavorava dal punto di vista militare?

Gen. Mini: Dal punto di vista militare ho avuto tre grandi branche; una branca è stata quella di interesse, una branca è stata quella della comunicazione: io ho fatto il portavoce del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito così come dello Stato Maggiore della Difesa. La seconda branca è stata quella logistica: mi sono occupato anche di contratti, contrattistica in questa maniera; la terza è quella che mi ha preso più la parte sostanziale della vita operativa è stata quella appunto operativa: ho comandato le unità dei Vespri Siciliani, ho comandato tutti i tipi di unità bersaglieri, vengo dai bersaglieri, e poi ho comandato il contingente internazionale, la forza internazionale di pace in Kosovo, che è KFOR. Ho fatto il Capo di Stato Maggiore della NATO in Sud Europa, quindi ho avuto parecchi incarichi; sono stato in Cina per tre anni come addetto militare, sono stato in America per altri due anni come integrato in una unità americana e così ho avuto moltissime esperienze.

Intervistatrice: C’è un suo articolo molto interessante sul numero di Limes che intitolava “Il clima dell’energia, il tempo che farà, le guerre dei tubi, l’Italia a rischio”. Ecco il titolo che lei ha dato è “Owning the weather: la guerra ambientale globale è già cominciata”; vorrei cominciare con questa frase che lei ha scritto: “la guerra ambientale in qualunque forma è proibita da leggi internazionali. Le Nazioni Unite fin dal 1977 hanno approvato la convenzione contro le modifiche ambientali” e poi sotto c’è scritto: “la guerra ambientale è oggi definita come l’intenzionale modificazione di un sistema ecologico naturale come il clima i fenomeni meteorologici gli equilibri dell’atmosfera della ionosfera della magnetosfera le piattaforme tettoniche etc…, allo scopo di causare distruzioni fisiche, economiche, psicosociali nei riguardi di un determinato obiettivo geofisico o una particolare popolazione”. Di cosa stiamo parlando, generale? Di cosa stiamo parlando ieri, di cosa stiamo parlando oggi e di cosa stiamo parlando del futuro?

Gen. Mini: Il senso dell’argomento fondamentale è questo, che poi è anche la mia tesi: la guerra è cambiata, cioè non ci possiamo più tenere attaccati al concetto di guerra tradizionale quando c’era uno che sparava contro un altro. E’ cambiata non soltanto perchè gli interlocutori della guerra o anche i cointeressati alla guerra sono moltissimi; è cambiato perchè i sistemi d’arma sono cambiati: non ci sono più soltanto fucili o missili adesso ci sono anche altri tipi di arma. Una arma fondamentale che nella guerra moderna o in questa guerra globale ha assunto una rilevanza fondamentale è proprio l’arma psicologica o comunque l’arma dell’influenza che può essere esercitata con tutto quindi l’ambiente inteso come sistema ecologico, nel quale noi viviamo e dal quale noi dipendiamo, è diventato un attore principale, non è soltanto una cornice, è un attore principale della guerra, può essere addirittura un obiettivo ma può essere anche uno strumento e questo è il concetto fondamentale.

Intervistatrice: Ecco senta, io vado sempre avanti con il suo articolo, a pagina 82 lei scrive: “Tutti fingono di credere che le devastanti esplosioni delle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki siano state le prime ed ultime della storia militare, eppure tutti sanno che da allora ci sono già state più di 1.000 esplosioni nucleari nel sottosuolo, nelle profondità degli oceani, in superficie e nello spazio e queste possono provocare per esempio degli tsunami”. Che cosa voleva dire qui generale?

Gen. Mini: Volevo dire che quando si pensa che un certo sistema d’arma come l’ordigno nucleare, con le leggi con le convenzioni internazionali, è stato limitato è vero che è stato limitato però si sono sviluppate altre utilizzazioni anche dello strumento nucleare ed oltre lo strumento nucleare anche di quello magnetoelettrico.

Intervistatrice: Quindi io posso con le… mi scusi se la interrompo: quindi io posso con un esplosione, un esperimento, creare un sisma anche in qualche modo voluto.

Gen. Mini: Ma assolutamente vero, nel senso che questo non è ormai una fantasia o una illazione, sono cose ormai che sono tecnicamente e scientificamente provate. Quello che manca è la prova che qualcuno deliberatamente lo abbia già fatto, però se si vanno a vedere quali sono le linee di frattura o le faglie che ci sono nella crosta terrestre e si può immaginare che se uno agisce in un punto, per esempio in mezzo al pacifico con una esplosione controllata nucleare o anche soltanto non nucleare o anche soltanto convenzionale, bene il riverbero delle onde sismiche che produce questa esplosione può arrivare e alimentare e provocare addirittura lo tsunami; ma adesso lo tsumani è una forma così che tutti quanti conoscono ma i terremoti in genere possono essere in questo senso…

Intervistatrice: Ecco scusi, io la interrompo sempre perchè… negli ultimi anni io ho fatto delle ricerche e ho sempre visto proprio facendo delle tabelle di raffronto che dove c’erano state delle esplosioni sotterranee, io ho seguito anche alcune esplosioni che venivano fatte dai francesi nel Sahara, poi Mururoa, poi in India e in Pakistan, poi a breve distanza venivano fuori dei terremoti quindi a volte erano sperimentazini quindi si può anche pensare che si possano creare al di là dei terremoti anche dei sisma, anche delle frane, delle valanghe, delle inondazioni, cioè degli scienziati in questo caso molto bravi ma in negativo possono in qualche modo condizionare l’ambiente e quindi l’economia anche di un Paese.

Gen. Mini: Ma assolutamente sì cioè questa è una capacità tecnica, tecnico operativa, che esiste. Adesso io ripeto non ho prova provata che ci sia stato un cosiddetto esperimento o nucleare o convenzionale che abbia provocato un reale terremoto, però la parte tecnica c’è ed io sono anche abbastanza pessimista dal punto di vista militare perchè in 45 anni di carriera militare in giro per il mondo ne ho viste di tutti i colori su quello che riusciamo a combinare, cosa riesce a combinare la fantasia umana, bene io sono veramente pessimista nel fatto di dire che probabilmente c’è qualcuno che ci ha già provato a fare di queste cose; non so dove non so quando ma certamente non nei casi, io penso e spero, nei casi che lei ha seguito perchè in genere quando si fanno queste operazioni si sa benissimo qual è il danno, la conseguenza che si vuole provocare, e non si vuole certo far risalire all’attore o a colui che lo ha provocato percui se lei ha seguito degli esperimenti che erano già stati preannunciati o annunciati questi probabilmente sono o casuali, le conseguenze sono o casuali oppure non volute. Però chi è che vuole farlo veramente ha la capacità tecnica di farlo, lo può fare.

Intervistatrice: Ecco lei ha citato un esempio molto interessante: negli anni ’40 un professore australiano, vuole raccontare questa cosa che lei ha seguito, che faceva questi esperimenti, ai nostri ascoltatori?

Gen. Mini: Mah insomma questo è un professore israeliano che si è messo a fare… era australiano, più che altro neozelandese, faceva questi esperimenti, vedeva quali erano le incidenze di questi fenomeni e si è accorto che si potevano provocare…

Intervistatrice: …delle onde anomale, no, mi diceva?

Gen. Mini: …potevano fare delle onde anomale, lui le ha provocate: al largo di Aukland lui ha provocato delle onde anomale, dei piccoli tsunami; in realtà erano soltanto fenomeni di onde che venivano, che montavano per conto proprio, e lui c’è riuscito in maniera controllata in maniera limitata ma c’è riuscito e ci è riuscito talmente bene che poi è sparito per un periodo dalla circolazione ma nel frattempo era stato contattato dagli Stati Uniti i quali sempre da un punto di vista tecnico-scientifico volevano vedere quali erano le possibili applicazioni di questo tipo di nuova, parliamo degli anni ’40 subito dopo la guerra, di questa nuova arma in una eventuale difesa o comunque offesa contro un eventuale nemico. Lui sembra che non abbia aderito alla parte militare di questo progetto, sembra, ma ovviamente i dati che lui aveva erano a disposizione di tutti anche perhè lui, quella volta, lavorava in Australia per conto della Università della Neozelanda ma chi gestiva i fondi dati a questo progetto erano Gran Bretagna e Stati Uniti.

Intervistatrice: Senta Gen. Mini lei, nel suo articolo, che tra l’altro posso dirlo a chi ci sta ascoltando, noi stiamo consigliando a tutti di leggerlo, proprio anche a quelli che da anni lavorano su queste cose e molte volte anche incontrando delle diffidenze. Lei parla anche di questo centro in Alaska che conosciamo tutti, HAARP, il quale lavora sulle onde ad alta frequenza, questo è finanziato… e su questo si è sempre pensato che potesse influire sul clima; ecco vogliamo parlare… lei ne parla nel suo articolo.

Gen. Mini: Sì ne parlo perchè in effetti è una di quelle evoluzioni della ricerca sulle onde a bassissima frequenza e altissima frequenza, sono i due estremi, per la loro capacità praticamente di superare gli ostacoli, di non essere influenzati dalla curvatura terrestre, di non essere influenzati da ostacoli di varia natura… è quello quindi di modificare, di poter modificare l’assetto anche atomico delle cose. Bene questi generatori ovviamente di queste onde elettromagnetiche particolari, ovviamente chi è che li gestisce dice che sono per tutt’altra natura che non hanno questo tipo di capacità…

Intervistatrice: …sì qualcuno diceva che volevano creare una specie di scudo per difendere la terra dal discorso dell’ozono mi pare… c’erano delle motivazioni che nessuno credeva poi tra l’altro…

Gen. Mini: Sì francamente diventano anche poco credibili. Sa che cos’è, mantengono una certa dose di credibilità perchè nessuno sa veramente di che cosa si tratta percui se una fonte autorevole dice, come un governo, dice “no, noi non stiamo facendo questi esperimenti per questo ma lo facciamo per motivi difensivi e non turbiamo, alteriamo l’equilibrio ecologico di nessuno, tutti quanti tendono a crederci; soltanto che negli ultimi 15 – 20 anni ormai questo livello di fiducia sulla parola incomincia a scadere un po’ insomma, ecco queste onde elettromagnetiche hanno la capacità di interferire e quindi di addirittura di provocare delle alterazioni meteorologiche focalizzate in determinati punti che poi possono montare per conto proprio…

Intervistatrice: Ecco, Generale Mini, tra l’altro noi abbiamo raccolto negli anni, negli ultimi anni, delle proteste da parte per esempio di Paesi come la Russia, come la Cina ma anche altri Paesi che lamentavano, a parte che anche i russi sanno condizionare molto bene il clima anche loro hanno delle possibilità insomma in questo senso di creare dei fenomeni meteorologici, accusavano proprio che certe situazioni meteorologiche di aridità, di siccità o di eccessiva pioggia o di eccessivo freddo, come sta succedendo adesso in Cina, potessero essere provocate artificialmente; avevano fatto una denuncia nazionale, internazionale, dicendo c’è qualcuno dietro tutta questa operazione per creare problemi alla situazione economica di un paese. Lei che cosa risponde di fronte a questo? Lei non ha le prove però a livello, così, di momento…

Gen. Mini: A livello così di momento proprio di riflessione, di una riflessione….

Intervistatrice: Certo, non è tanto fuori di norma insomma questa cosa…

Gen. Mini: Non è al di fuori della norma, come ripeto, anche questo campo, cioè, è un campo in cui la parte tecnica è molto avanzata; ora quando si parla che, si pensa che il programma Owning the Weather 2015, voglio dire… no 2025 addirittura, è partito nel 1999; oggi siamo nel 2008 quindi sono già passati 10 anni e questo obiettivo di possedere il tempo meteorologico entro il 2025 a fini militari, questo è il programma perchè è finanziato dall’aeronautica militare statunitense non è finanziato da McDonald che vuole vendere gli hamburger, quindi questo è un programma che sta andando avanti e se tanto mi dà tanto, se l’obiettivo finale è al 2025, nel 2008 noi abbiamo già qualche risultato lo dobbiamo avere altrimenti chi è che investe i soldi avrebbe già chiuso i rubinetti dei fondi. Qundi ci sono già adesso delle capacità pratiche che possono essere sfruttate io dubito molto a livello di riflessione che ci sia qualcuno che intenzionalmente stia dirigendo queste armi contro un altro obiettivo. Dubito molto non perchè credo che gli uomini siano buoni, dubito molto che ne abbiano acquisito la capacità, però ho messo anche in evidenza nell’articolo la teoria, ma anche le supposte prove, che uno scienziato tecnico militare americano dà di queste cose e lui, secondo lui, i russi… lui attribuisce ai russi…

Intervistatrice: …Bearden mi pare…

Gen. Mini: …esatto sì, ma quello che si può attribuire ai russi si può attribuire agli Stati Uniti in maniera maggiore oggi, perchè gli hanno superati in molti campi, ma si può attribuire anche ai cinesi i quali intanto si stanno organizzando e attrezzando per questo; percui se lui pensa che ci siano stati già negli anni ’70 degli episodi di utilizzazione di queste onde elettromagnetiche per produrre puntuali fenomeni atmosferici sul territorio degli Stati Uniti, io penso che se lui, e lui è uno scienziato… tra l’altro scrive dappertutto è accreditato dalla organizzazione degli scienziati americani insomma, non dovrebbe essere un millantatore o un fesso. Percui prendendo anche… facendo la tara a quello che lui dice, dal punto di vista tecnico-scientifico già esiste questa capacità e questa possibilità; speriamo soltanto che non abbiano ancora raggiunto un livello tale, soprattutto di determinazione e dico da un certo punto di vista, di stupidità e cattiveria, da impiegarlo realmente pensando di far fuori un obiettivo o un nemico circoscritto senza allargare i danni ad altri che possono anche non essere nemici e possono anche…

Intervistatrice: …quindi diciamo, per concludere, noi possiamo concludere con quest’immagine su cui io voglio proprio la sua chiusura: io posso provocare, dal punto di vista climatico, una siccità in un paese quando ho l’intenzione di far, come si può dire, andare via una popolazione che in qualche modo mi possa essere di peso la faccio, non so, diventano dei profughi da un’altra parte perchè in quel Paese ci sono materie prime che m’interessano.

Gen. Mini: Questo è un fatto che non si può…

Intervistatrice: …questa è una guerra…

Gen. Mini: Questo è un fatto che non si può assolutamente escludere ed è una guerra.

fonte: