Banchiere svizzero Smaschera criminali del Bilderberg

 

Illuminati book

5 Giugno 2011

ackermann.jpgIlluminati Conspiracy CONFERMATO!

Deutsche Bank CEO e Bilderberg Josef Ackermann, a sinistra, da tempo fattorino dei Rothschild, esemplifica i peggiori eccessi Bilderbergers. 

“Il caso Strauss-Kahn … mostra queste persone sono corrotti, malati nelle loro menti, così male sono pieni di vizi e questi vizi vengono tenuti sotto chiave sui loro ordini. Alcuni di loro come Strauss-Kahn donne stupro, altri sono sado maso, o pedofili e molti sono nel satanismo. Quando andate in alcune banche che vedi questi simboli satanistic, come nella Banca Rothschild a Zurigo “. 

“Hanno un nuovo piano per censurare Internet, perché Internet è ancora libero. Vogliono controllare e usare il terrorismo o che cosa mai come una ragione. Potrebbero persino pianificare qualcosa di orribile in modo da avere una scusa.”  

Intervista ha avuto luogo 30 maggio con la rivista settimanale russo “NoviDen” (Grazie a NK per l’invio di questo.)

Originariamente scritto qui

D: Può dirci qualcosa riguardo il suo coinvolgimento nel settore bancario svizzero?

A: Ho lavorato per le banche svizzere per molti anni. Mi è stato indicato come uno dei registi di una delle più grandi banche svizzere. Durante il mio lavoro sono stato coinvolto nel pagamento, nel pagamento diretto in contanti di una persona che uccise il presidente di un paese straniero. Ero in riunione in cui è stato
ha deciso di dare questi soldi in contanti all’assassino. Questo mi ha dato mal di testa drammatici e turbato la mia coscienza. Non è stato l’unico caso che è stato davvero male, ma è stato il peggiore. E ‘stato un ordine di pagamento su ordine di un servizio segreto straniero scritto a mano dando l’ordine di pagare una certa somma ad una persona che ha ucciso il capo superiore di un paese straniero. E non era l’unico caso. Abbiamo ricevuto numerose lettere scritte a mano tali provenienti da servizi segreti stranieri dare l’ordine di pagamento in contanti
da conti segreti alle rivoluzioni del fondo o per l’uccisione di persone. Posso confermare quello che John Perkins ha scritto nel suo libro “Confessioni di un sicario dell’economia”. Esiste in realtà solo un sistema e delle banche svizzere sono coinvolte in tali casi.

D: libro di Perkins è anche tradotto e disponibile in russo. Puoi dirci quale banca si tratta e chi era responsabile?

A: E ‘stato uno dei primi tre banche svizzere in quel momento ed è stato il presidente di un paese del terzo mondo. Ma io non voglio dare a molti dettagli perché mi troveranno molto facilmente se dico il nome del presidente e il nome della banca. Io rischio la vita.

D: Non è possibile nominare qualsiasi persona in banca sia?

R: No non posso, ma vi posso assicurare che è successo questo. Eravamo più persone nella sala riunioni. Il responsabile del pagamento fisico del denaro è venuto da noi e ci ha chiesto se gli è consentito di pagamento come ad una grande quantità di denaro per quella persona e uno dei direttori spiegò il caso e tutti gli altri hanno detto ok si può fare
.
D: questo è accaduto spesso? Questa specie di fondi neri?

R: Sì. Questo era un fondo speciale gestito in un posto speciale nella banca dove tutte le lettere in codice è venuto dall’estero. Le lettere più importanti sono stati scritti a mano. Abbiamo dovuto decifrare loro ed in loro è stato l’ordine di pagare una certa somma di denaro da conti per l’assassinio di persone, rivoluzioni, scioperi finanziamento finanziamento, tutti i tipi di finanziamento dei partiti. So che alcune persone che sono Bilderbergers sono stati coinvolti in tali ordini.Voglio dire che dato l’ordine di uccidere.

D: Puoi dirci in quale anno o decennio, questo è accaduto?

R: Preferisco non darvi l’anno preciso ma è stato negli anni 80.
D: Hai avuto un problema con questo lavoro?

R: Sì, un problema molto grande. Non riuscivo a dormire per molti giorni e dopo un po ‘ho lasciato la banca. Se io ti do troppi dettagli che mi traccia. Diversi servizi segreti provenienti dall’estero, soprattutto di lingua inglese, ha dato ordine di finanziare azioni illegali, persino l’uccisione di persone thru banche svizzere. Abbiamo dovuto pagare in base alle istruzioni delle potenze straniere per l’uccisione di persone che non hanno seguito gli ordini del Bilderberg o del FMI o della Banca Mondiale, per esempio.

D: Si tratta di una rivelazione molto sorprendente che si stanno facendo. Perché si sente il bisogno di dire questo adesso?

R: Perché Bilderberg si riunisce in Svizzera. Perché la situazione mondiale sta peggiorando e peggio. E perché le maggiori banche svizzere sono coinvolte in attività non etiche. La maggior parte di queste operazioni sono al di fuori del bilancio. È un multiplo di quello che è ufficialmente dichiarato. La sua non è sottoposto a revisione contabile e accadendo senza tasse. Le figure coinvolte hanno un sacco di zeri. Si tratta di enormi quantità.

D: Quindi i suoi miliardi?

A: Il suo più molto, le sue migliaia di miliardi, completamente verificata, illegale e oltre al sistema fiscale. Fondamentalmente si tratta di una rapina di tutti. Voglio dire le persone più normali pagano le tasse e rispettare le leggi. Quello che sta accadendo qui è completa contro i nostri valori svizzeri, come la neutralità, l’onestà e la buona fede. Nelle riunioni ho partecipato, le discussioni in cui completamente contro i nostri principi democratici. Vedete, la maggior parte degli amministratori delle banche svizzere non sono più locali, sono stranieri, per lo più anglosassoni, sia americani o britannici, non rispettano la nostra neutralità, non rispettano i nostri valori, sono contro la nostra diretta democrazia,
basta usare le banche svizzere per i loro mezzi illegali. Usano enormi quantità di denaro creato dal nulla e distruggono la nostra società e distruggere il mondo persone in tutto solo per avidità. Cercano il potere e distruggono interi paesi, come la Grecia, la Spagna, il Portogallo o l’Irlanda e la Svizzera
sarà uno degli ultimi in linea. E usano la Cina come schiavi che lavoravano. E una persona come Josef Ackermann, che è un cittadino svizzero, è l’uomo di punta di una banca tedesca e usa il suo potere per avidità e non rispetta la gente comune.Ha un bel paio di casi legali in Germania e ora anche negli Stati Uniti. E ‘un Bilderberger e non si preoccupa della Svizzera o di qualsiasi altro paese.

D: Stai dicendo che, alcune di queste persone che hai citato sarà al l’imminente riunione del Bilderberg a giugno a St. Moritz?

R: Sì.

D: Quindi sono attualmente in una posizione di potere?

R: Sì. Hanno enormi quantità di denaro a disposizione e usarlo per distruggere interi paesi. Distruggono la nostra industria e lo ricostruisci in Cina. Dall’altro hanno aperto le porte in Europa per tutti i prodotti cinesi. La popolazione attiva europea sta guadagnando sempre meno. Il vero obiettivo è quello di distruggere l’Europa.

D: Pensa che la riunione del Bilderberg a St. Moritz abbia un valore simbolico?Perché nel 2009, dove hanno in Grecia, 2010 in Spagna e guardi cosa è successo a loro. Significa questo la Svizzera si può aspettare qualcosa di brutto?

R: Sì. La Svizzera è uno dei paesi più importanti per loro, perché c’è così tanto capitale qui. Essi si riuniscono lì perché oltre a tutto questo che vogliono distruggere tutti i valori che la Svizzera sta per. Si vede che è un ostacolo per loro, non essendo nella UE o in euro, non del tutto controllata da Bruxelles e così via. Per quanto riguarda i valori non sto parlando delle grandi banche svizzere, perché non sono
Svizzera più, la maggior parte di loro sono guidati da americani. Sto parlando del vero spirito svizzero che la gente comune amare e sostenere.
Certo che ha un valore simbolico, come lei ha detto, per quanto riguarda la Grecia e la Spagna. Il loro scopo è quello di essere una specie di club elitario esclusivo che ha tutto il potere e tutti gli altri si impoverisce e verso il basso.

D: Pensa che lo scopo del Bilderberg è quello di creare una sorta di dittatura globale, controllata dalle grandi imprese globali, sono stati non ci sono più stati sovrani?

R: Sì e la Svizzera è l’unico posto a sinistra con la democrazia diretta e la sua a modo loro. Usano il ricatto del “too big to fail”, come nel caso di UBS per mettere il nostro paese in grosso debito, proprio come hanno fatto con molti altri paesi.Alla fine forse vuole fare con la Svizzera quello che hanno fatto con l’Islanda, con tutte le banche e il paese in bancarotta.

D: E anche portarla in casa per l’Unione europea?

R: Certo. L’Unione europea è sotto la morsa di ferro di Bilderberg.

D: Cosa pensi potrebbe fermare questo piano?

R: Beh, questa è la ragione per cui parlo. La sua verità. La verità è l’unico modo.Metti una luce su questa situazione, esporli. A loro non piace essere sotto i riflettori. Dobbiamo creare trasparenza nel settore bancario e in tutti i livelli della società.

D: Quello che stai dicendo è, c’è un lato corretto del business bancario svizzero e ci sono alcune banche grandi che utilizzano in maniera inappropriata il sistema finanziario per le loro attività illegali.

R: Sì. Le grandi banche stanno formando il loro personale con i valori anglo-sassoni. Essi sono la formazione a essere avidi e spietati. E l’avidità sta distruggendo la Svizzera e tutti gli altri. Come paese abbiamo una maggioranza delle banche operative più corrette in tutto il mondo, se si guardano le banche piccole e medie imprese. Il suo solo quelli più grandi che operano a livello mondiale che sono un problema. Essi non sono svizzeri più e non si considerano come tali.

D: Pensi che sia una buona cosa che la gente sta esponendo Bilderberg e mostrando chi sono veramente?

R: Penso che il caso Strauss-Kahn è una buona occasione per noi, perché dimostra queste persone sono corrotti, malati nelle loro menti, così male sono pieni di vizi e questi vizi vengono tenuti sotto chiave sui loro ordini. Alcuni di loro come Strauss-Kahn donne stupro, altri sono sado maso, o pedofili e molti sono nel satanismo. Quando andate in alcune banche si vede questi simboli satanistic, come nella Banca Rothschild di Zurigo. Queste persone sono controllate da nero-mail a causa delle carenze che hanno. Devono seguire ordini o saranno esposti, verranno distrutti o addirittura uccisi. La reputazione di Strauss-Kahn non è solo ucciso nei mezzi di comunicazione di massa, che poteva
essere ucciso anche letteralmente.

D: Da quando Ackermann è nel comitato direttivo del Bilderberg, pensi che è un produttore di grande decisione lì?

R: Sì. Ma ci sono molti altri, come Lagarde, che probabilmente sarà il prossimo capo del FMI, anche un membro del Bilderberg, poi Sarkozy e Obama. Hanno un nuovo piano per censurare Internet, perché Internet è ancora libero. Vogliono controllare e usare il terrorismo o che cosa mai come motivo. Potrebbero persino pianificare qualcosa di orribile in modo da avere una scusa.

D: Quindi questa è la tua paura?

R: La sua non è solo una paura, ne sono certo. Come ho detto, hanno dato l’ordine di uccidere, in modo che siano in grado di cose terribili. Se hanno la sensazione di perdere il controllo, come la rivolta ora in Grecia e in Spagna e forse l’Italia sarà la prossima, poi si può fare un altro Gladio. Ero vicino alla rete Gladio. Come sapete che istigato il terrorismo pagato dai soldi americani per controllare il sistema politico in Italia e in altri paesi europei. Per quanto riguarda l’assassinio di Aldo Moro, il pagamento è stato fatto attraverso lo stesso sistema come ti ho detto su.

D: E ‘stato parte Ackermann di questo sistema di pagamento presso una banca svizzera?

A: (km a S) … tu sei il giornalista. Guardate la sua carriera e la velocità lo ha fatto fino in cima.

D: Cosa pensa si possa fare per ostacolarli?

R: Beh ci sono molti buoni libri là fuori che spiegano lo sfondo e unire i puntini, come quella che ho citato da Perkins. Queste persone hanno davvero colpito uomini che vengono pagati per uccidere. Alcuni di loro ottenere i loro soldi le banche svizzere thru. Ma non solo, hanno un sistema istituito in tutto il mondo. E per esporre al pubblico queste persone che sono disposti a tutto pur di mantenere il controllo. E voglio dire nulla.

D: L’esposizione Thru possiamo fermarli?

R: Sì, dire la verità. Siamo di fronte a criminali davvero spietati, anche grandi criminali di guerra. Il genocidio allora peggio. Sono pronti e in grado di uccidere milioni di persone solo per restare al potere e nel controllo.

D: Ci può spiegare dal vostro punto di vista, perché i mass media in Occidente è più o meno completamente in silenzio per quanto riguarda Bilderberg?

R: Perché c’è un accordo tra loro ei proprietari dei mezzi di comunicazione. Non se ne parla. Li comprano. Anche alcuni dei vertici dei media sono invitati alle riunioni, ma è stato detto di non riferire tutto quello che vedono e sentono.

D: Nella struttura del Bilderberg, vi è un cerchio interno che conosce i piani e poi c’è la maggioranza che è sufficiente seguire gli ordini?

R: Sì. Lei ha il cerchio interno che sono in satanismo e poi ci sono le persone ingenue o meno informate. Alcune persone, anche pensare che stanno facendo qualcosa di buono, il cerchio esterno.

D: Secondo i documenti esposti e le stesse dichiarazioni, il Bilderberg ha deciso nel 1955 di creare l’Unione europea e l’euro, così hanno fatto le decisioni importanti e di ampia portata.

R: Sì e sai che il Bilderberg è stato fondato dal principe Bernardo, ex membro del partito nazista e delle SS e ha lavorato anche per la IG Farben, che è controllata prodotto Cyclone B. L’altro ragazzo era il capo della Occidental Petroleum, che aveva stretti rapporti ai comunisti in Unione Sovietica. Hanno lavorato su entrambi i lati ma in realtà queste persone sono fascisti che vogliono controllare tutto e tutti e che metta sulla loro strada viene rimosso.

D: Il sistema di pagamento hai spiegato al di fuori della normale operatività,
compartimenti stagni e in segreto?

R: In queste banche svizzere i normali impiegati non conoscono questo sta accadendo. E ‘come un reparto segreto in banca. Come ho detto queste operazioni sono al di fuori del bilancio, senza alcuna supervisione. Alcuni sono situati nello stesso edificio, altri sono fuori. Hanno la loro sicurezza e la zona speciale in cui solo le persone autorizzate possono entrare.

D: Come fanno a mantenere queste operazioni fuori del sistema internazionale Swift?

R: Beh, alcune delle liste Clearstream erano vere in principio. Hanno appena incluso nomi falsi per far credere alla gente l’intero elenco è falso. Si vede che anche sbagliare. Il primo elenco era vero e si può tracciare un sacco di cose.Vedete, ci sono persone in giro che scoprono le irregolarità e la verità e lo dicono.Poi naturalmente ci sono cause legali e queste persone sono costrette a stare zitto. Il miglior modo per fermarli è quello di dire la verità, mettere la luce del punto su di loro. Se non li fermiamo finiremo come i loro schiavi.

D: Grazie per questa intervista.

 

 

Annunci

IL GRANDE FRATELLO- Strategie del dominio

18 ottobre 2012 | Autore | Stampa articolo Stampa articolo

Recensione dell’ultimo libro di Gianni Lannes

IL GRANDE FRATELLO. Strategie del dominio
di Gianni Lannes

Trama:
La fantascienza ha intuito che l’essenza dei totalitarismi è il controllo tecnologico delle informazioni personali. La realtà si è spinta oltre. Viviamo in un’epoca in cui all’eccesso di informazione corrisponde un difetto di sapere: sovente l’extra occulta. Ma basta scalfire le apparenze per comprendere la realtà. E il lavoro di ricerca sul campo che un giornalista freelance, di chiara fama, come Gianni Lannes ha condotto in prima linea. Il testo spazia, prove alla mano, dall’attività di spionaggio Echelon sulla popolazione italiana e occidentale, alla democrazia totalitaria che ormai imperversa nel Belpaese, solcando in mare le bombe amare e la terapia bellica che oscura i cieli. Il futuro sembra militare, mentre la democrazia si restringe sempre più. Ci sarà un’altra guerra mondiale? Consumatori sempre più imbalsamati, telespettatori lobotomizzati e utenti imbambolati, avanti, fate il nostro gioco. Trivellano il cuore della Terra, oscurano il Sole, mentre la Luna l’hanno già bombardata. E noi?

Commento:
Quanti di noi hanno mai sentito parlare di Echelon, il sistema di sorveglianza mondiale ideato nel 1947 e realizzato successivamente da alcuni Stati durante la guerra fredda, nel quale l’Italia svolge per altro un ruolo di primo piano? Sapevate che, entro il 2012, la Eurogendfor, una sorta di gendarmeria europea, soppianterà la Polizia di Stato? Schedati e costantemente monitorati, la nostra vita è ormai diventata un libro aperto di cui si conosce tutto: salute, opinioni politiche, orientamento sessuale, fede religiosa, idee.
Nulla sfugge al Grande Fratello, che è sempre più organizzato, sempre più presente: sistemi di sorveglianza sovranazionale che vedono tutto e tutto controllano, e che vengono costruiti senza nessun controllo né regolamentazione democratica… Ma con un grave pericolo aggiunto, questo controllo è esercitato al di fuori degli Stati, con la partecipazione di aziende private, con l’aggravante che la maggior parte di esse sono militari.
Il quadro che ci dipinge Gianni Lannes non è certo dei più rassicuranti e non fa sconti a nessuno. Notizie e persone volutamente oscurate, mentre in Italia si continua a morire di leucemia a causa delle bombe – anche non convenzionali all’iprite e al fosforo – che giacciono da anni sui fondali dell’Adriatico e del Tirreno, mentre pesci malati e mutageni continuano a finire sulle nostre tavole come se niente fosse e mentre qualche povero pescatore ogni tanto ci rimette la vita, sempre tutto nel silenzio assoluto dei media. Segreto di Stato che uccide. Radar (come quelli del sistema HAARP, Programma di Ricerca Attiva Aurorale con alta Frequenza) che ormai tappezzano ogni fazzoletto della nostra Terra, che tutto controllano e che nuocciono alla nostra salute, in maniera spesso mortale.
Scie chimiche, controllo del tempo meteorologico e degli elementi naturali, crisi finanziarie ed economiche studiate a tavolino per mettere in ginocchio interi paesi, una pericolosa deriva militarista che preannuncia una terza guerra mondiale purtroppo non così lontana, una classe politica sempre più colpevole di insabbiare la verità ed anzi di essere collusa con i poteri – neanche più tanto occulti – che governano le sorti del mondo; questo nel silenzio assoluto dei media, mentre i familiari di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin attendono ancora che sia fatta giustizia.
Nelle democrazie compiute, la stampa è il cane da guardia del funzionamento istituzionale. Nella democrazia italiana, se abbaia è una seccatura e basta. Meglio il chiacchiericcio della notizia. Meglio il commento. Il commento divide, ma non fa male. La notizia si. Figuriamoci un approfondimento. Figuriamoci se un giornalista comincia a scavare, indagare, porre quesiti, pretendere risposte. Nella migliore delle ipotesi vieni deriso, oppure oscurato e dipinto come un pazzo visionario e complottista. Allora forse aveva ragione chi scriveva che “solo i piccoli segreti vanno protetti. Per quelli grandi sarà sempre sufficiente l’incredulità della gente”. Continuiamo a vivere le nostre vite precarie, incapaci ormai di indignarci, vivendo nel torpore, deambulando come anestetizzati, privati del nostro senso critico, relegando al mondo della fantascienza quella che purtroppo è la triste realtà.
(Raffaella Galluzzi) FONTE:

Arriva il Kill Switch per PC Windows 8

di J. Robertson
Traduzione di Anticorpi.info
Tempo fa lo sviluppatore di software Janne Kytömäki navigando nel Market di Android ha notato qualcosa di strano: decine di famoseapp risultavano realizzate da sviluppatori diversi da quelli veri. E’ stato un pò come se il nome di Stephen King fosse di colpo scomparso dalle copertine di tutti i suoi libri, sostituito da nomi sconosciuti. Kytömäki ha intuito che dovesse trattarsi dell’opera di un malware a rapida diffusione, e ha subito denunciato le sue scoperte.
Google ha immediatamente preso contromisure. Gli è bastato azionare il kill switch(interruttore di spegnimento – n.d.t.), per raggiungere in un istante più di 250.000 smartphone Android infetti e rimuovere da remoto il codice dannoso. “E’ stata una cosa quasi irreale”, dice Kytömäki, che produce alcune app di simulazione di dadi.
Il Kill switch costituisce ormai uno standard della maggior parte degli smartphone, tablet ed e-reader. Google, Apple (AAPL) e Amazon (AMZN) hanno tutti la possibilità di raggiungere da remoto i loro dispositivi per eliminare i contenuti illeciti o modificare codici senza richiedere alcun permesso agli utenti. E’ un modo efficace per bloccare le minacce che si diffondono velocemente, ma è anche una questione molto spinosa nell’ambito della privacy e della sicurezza.
Con il lancio del sistema operativo Windows 8 previsto entro la fine dell’anno, per la prima volta milioni di PC desktop e laptop saranno dotati di un kill switch di serie.Microsoft (MSFT) non ha spiegato pubblicamente le ragioni che l’avrebbero indotta ad includere tale funzionalità in Windows 8, a parte un criptico avvertimento secondo cui potrebbe trovarsi costretta a ricorrervi per motivi legali o di sicurezza.
La funzionalità è stata pubblicizzata in un articolo di Computerworld dello scorso dicembre, occasione in cui Microsoft ha reso noti i termini di utilizzo del suo nuovo app market, il quale consentirà agli utenti di Windows 8 di scaricare software da un portale controllato.
Tutti gli smartphone hanno già da diversi anni in dotazione un kill switch, sebbene la cancellazione di software  da remoto sia l’ultima risorsa, e vi si ricorra raramente”, dice Todd Biggs, direttore del product management per Windows Phone Marketplace.

2012 FUGA DA INTERNET

2012, fuga da Internet

Non è un film di John Carpenter ma offre gli stessi presupposti: i ricercatori avvertono sui pericoli di una massiccia tempesta solare in grado di buttare giù l’infrastruttura di rete e con essa persino l’economia statunitense

Roma – Il 2012 è certamente il periodo più proficuo per qualche convergenza astrale sfavorevole all’umanità tutta: alcuni sostengono che lo anticiparono i Maya secoli fa, ora ci si mette anche la National Academy of Sciences statunitense con una previsione che non sarebbe dispiaciuta al John Carpenter dei tempi belli, ovverosia il presunto tracollo dell’intera infrastruttura di Internet (statunitense e non solo) a causa di un picco massiccio di tempeste solari.

Evento cosmico dalla portata globale, scatenato dall’interazione tra le esuberanze elettromagnetiche del sole e la magnetosfera terrestre, le tempeste solari sono un fenomeno naturale che da sempre influenza la tecnologia. Nel 1859 massicce tempeste spazzarono via i cavi telegrafici USA, nel 1989 danneggiarono l’intera griglia elettrica canadese e nel 2005 fu il turno dell’elettronica.

Quello del 2012, però, potrebbe essere il peggior picco del fenomeno considerando l’attuale e sempre maggiore interdipendenza delle attività umane con gli apparati funzionanti a energia elettrica: la NAS avverte sul pericolo di uno “scompiglio nei trasporti, nelle comunicazioni, nei sistemi bancari e finanziari, nei servizi governativi, di guasto o malfunzionamento della fornitura di acqua potabile a causa di problemi alle pompe, e la perdita di cibo deperibile e medicinali a causa della mancanza di refrigerazione”. Per non parlare dei danni alla rete di satelliti GPS orbitante intorno al pianeta.

Se mai l’economia statunitense riuscirà a uscire dall’attuale crisi finanziaria, quella elettromagnetica del 2012 potrebbe provocare danni comparabili e stimati tra 1 e 2 trilioni di dollari durante il solo primo anno, sostengono dalla NAS, con tempi di recupero tra i 4 e i 10 anni. Le tempeste solari scatenerebbero una sorta di apocalisse tecnologica anche nel resto del mondo, e l’Istituto Federale Svizzero della Tecnologia di Zurigo stima che la perdita delle funzionalità di rete costerebbe al piccolo paese europeo danni per l’1,2% del PIL. Ogni settimana.

Lo dicono i Maya, ora anche certi scienziati: nel 2012 ci sarà l’apocalisse, e dal 2013 in poi vestiremo tutti la tuta blu di ordinanza girovagando per le wasteland alla ricerca di un lanciarazzi funzionante. A meno che, naturalmente, non ci si organizzi in tempo schermando non solo le backbone di rete ma preparando anche e soprattutto le società private, incluse quelle che operano i datacenter a cui Internet e il web in particolare affidano la loro sussistenza materiale.

Alfonso Maruccia

Firma la petizione contro ACTA il bavaglio mondiale ad internet

Posted Gio, 26/01/2012 – 14:08 by Giovanni.aversa

È urgente una mobilitazione anche in Italia dopo quella contro l’emendamento Fava.
Oggi a Tokyo l’Unione Europea ha firmato ufficialmente il trattato ACTA (Accordo Commerciale Anti Contraffazione). Una decisione grave, perchè avviene pochi giorni dopo le grandi mobilitazioni in Italia e negli Stati Uniti che hanno mostrato la contrarietà dei cittadini in tutto il mondo contro provvedimenti che, con il pretesto della proprietà intellettuale, impediscono l’accesso ai farmaci dei paesi in via di sviluppo e mettono un bavaglio ad internet. La questione ancora più preoccupante è che l’Unione Europea trascura completamente la diffusa critica presente contro ACTA, proveniente non solo da parte delle ONG che si occupano dell’accesso ai farmaci, come Oxfam o Health Action International, ma anche dai principali partner commerciali dell’UE.
È urgente che le diverse mobilitazioni nazionali come quella italiana contro l’emendamento Fava e quella americana contro SOPA e PIPA si uniscano contro il liberticida trattato ACTA che avrà un impatto negativo sulla libertà di espressione, l’accesso alle medicine ma anche alla cultura e alla conoscenza. I cittadini europei devono reclamare un processo democratico, contro le influenze delle multinazionali. Ci saranno diverse votazioni al Parlamento Europeo prima del voto finale di quest’estate e speriamo che non solo Agorà Digitale ma tutte le forze politiche unite in questi giorni contro i bavagli alla Rete vogliano fare pressione sui nostri parlamentari europei.
IL VIDEO CHE SPIEGA COS’E’ A.C.T.A. SOTTOTITOLATO IN ITALIANO

Firma per sottoscrivere la richiesta di stop ad ACTA al Parlamento Europeo

WikiLeaks: iPhone? BlackBerry? Gmail? Taci, il nemico 2.0 ti ascolta

Julian Assange non usa mezzi termini nel rilasciare “The Spy Files”. Sul mercato esistono prodotti hi-tech di altissimo livello, disponibili su ogni piattaforma e praticamente per qualsiasi prodotto di “largo consumo informatico”, per spiare la popolazione mondiale. A prescindere dalla “complicità” delle compagnie telefoniche.

WikiLeaks rilascia nuovo materiale sconcertante, ottenuto in collaborazione con Bugged Planet e Privacy International e vagliato dai media di sei Paesi, tra i quali c’è anche “L’Espresso” per l’Italia. Questa volta, a finire sotto la lente dell’organizzazione di Julian Assange è l’industria mondiale dello “spionaggio” che, proprio come nel mondo militare, è fatta ora più da “contractors” che da persone “interne” alle “istituzioni”. Anche perché lo spionaggio “commerciale”, come si legge dalle carte di WikiLeaks, è cosa di tutti i giorni nel Mondo 2.0. Questa “industria” ha avuto un vero e proprio boom dopo l’11 Settembre 2001 e vale oggi miliardi di dollari. E anche “se suona come qualcosa alla Hollywood”, come scrive WikiLeaks, l’intercettazione di massa è invece una realtà, creata da “contractors occidentali”, anche per “oppositori politici”. Continua a leggere

da: Sostenitori Delle Forze Dell'ordine su facebook.

DA CONDIVIDERE

ATTENZIONE, TENTATIVO DI PHISHING.
Controllate sempre l’indirizzo URL nella barra del browser.

Qualunque link esterno a Facebook, contraffatto per apparire come residente nel social network, può essere segnalato sia a Google sia a Facebook stesso.

Ricordate che:

– aderire a Pagine o Applicazioni che vi promettono “molti fan” può comportare ANCHE questi rischi (furto delle credenziali di accesso o dell’amministrazione delle vostre pagine)
– se siete già “loggati” nel social network NON DOVETE per nessun motivo REINSERIRE LA VOSTRA EMAIL E PASSWORD per aderire ad applicazioni di Facebook o ACCEDERE DI NUOVO a Facebook.
– nel caso vi troviate a visualizzare messaggi o richieste del genere, ALLONTANATEVI DALLA PAGINA in questione SENZA INSERIRE NESSUNA INFORMAZIONE. Continua a leggere

perchè non possiamo cambiare?

non voglio essere ne presuntuoso, e tanto meno arrogante, ma credo che noi non siamo all’altezza di portare avanti un cambiamento, o quanto meno, mirare ad esso.

in quanto, nonostante tutte le cose che leggiamo, che ci passano gli amici sotto forma di articoli, post, commenti, io vedo che la maggior parte delle persone è assorta nelle sue quotidiane stronzate, e la più grande e inutile,(per come viene usata), è facebook. Io uso facebook, come tante altre persone, ed in verità vi dico, che prima di scoprire il vero scopo dei social network, e innanzitutto di svegliarmi dal sonno profondo in cui mi trovavo, mi piaceva mandare il messaggino alle ragazze, condividere qualche modo di pensare scrivendo frasi sdolcinate, caricare video musicali, pubblicare citazioni famose di attori filosofi, seguire pagine carine etc. ma ad un certo punto, e senza che nessuno, come faccio io oggi, mi mandasse messaggi, articoli, notizie, per informarmi di quanto stava accadendo in Italia e nel mondo,  mi sono accorto che facebook, stava diventando un chiodo fisso, una malattia, una fobia, mi sono fermato un’attimo, ed ho realizzato che………………………………………..stavo facendo il gioco di qualcun’altro, ho cancellato più volte l’account, ma poi ci sono ricaduto, ma alla fine, ho scperto che: , non mi stavo svagando o distraendo dai tanti problemi che, come tutti, potevo avere, no! mi ero addentrato in un territorio subdolo, che ti porta all’astinenza di stronzate, di frasi fatte, aforismi oramai sputtanati a tal punto che sembrano ridicoli, alla superficialità nel commentare notizie gravi o importanti, nel chiedere amicizie a chiunque solo per far vedere che ne più di altri, specie se sono (per l’uomo) femmine o (per la donna) maschi, persone che usano mettersi nelle pose più assurde o sconce, ragazzine che si sono fuse il cervello o magari dietro la foto c’è qualche frocio, o, ben venga, qualche poliziotto, spero per il secondo. assodato questo, mi sono chiesto ma come è possibile tutto questo: può essere che non c’è niente di meglio?. E mi sono messo a cercare qualcosa che mi distogliesse innanzitutto da facebook, e poi che fosse molto più interessante. non c’è voluto molto credetemi, tanto che oggi uso facebook per cercare di distogliere quante più persone è possibile, ma è dura. io comunque non mi fermo, anzi insisterò all’infinito, e quante più persone riuscirò a trascinare fuori da questa stronzata più mi sentirò appagato.

non capisco come facciano queste persone ad essere cosi disinteressati a ciò che sta succedendo nel nostro paese, e a non sentire il bisogno di ribellarsi a questa dittatura,

o, gli hanno gia fuso il cervello, per cui, o e troppo tardi per salvarli, farli reagire, o sono proprio fatti cosi, e non ne ricavi nulla, DEL TIPO:  il mondo sta cadendo? bene, mi sposto più in la e mi salvo. allora sapete che vi dico? per quanto mi riguarda, io ce la sto mettendo tutta per diffondere la realtà dei fatti, e tutto questo grazie anche alle persone che gestiscono siti e blog, di informazione vera:

 

 

 

 

da cui ho attinto le mie informazioni, le quali mi hanno fatto crescere sia a livello culturale che a  livello umano e sociale, ed io mi sono prodigato nel diffondere ciò che avevo raccolto, (e seminato a titolo gratuito) da altri che hanno sempre avuto, come me oggi, l’intenzione di INFORMARE, DIVULGARE LA REALTÀ DELLE COSE, DIFFONDERE LA VERITÀ,

 

 

 

 

Patrizio Devero:condivido la vergogna che, certa gente, non prova nemmeno.
Ti piace.
  • Patrizio Deveroma magari le rinvio perchè non è il caso di giocare a pallone mentre altri soffrono.

    domenica alle 16.04 · Mi piace
  • Patrizio Deverovergognatevi!!

    domenica alle 16.04 · Mi piace
  • Patrizio Deverose qualcuno non sta bene mi cancelli pure dalla lista di amici.

    domenica alle 16.05 · Mi piace
ATTENZIONE, NON STO DIFENDENDO LA SQUADRA DI CALCIO DEL NAPOLI, mi stò solo dissociando da questi italiani, che si meritano tutto quello che sta accadendo, e che succederà ancora in ITALIA.
chi non credesse a quanto sopra esposto, può fare le sue ricerche autonomamente, ovviamente !!

IL LATO OSCURO DELLA RETE

Il lato oscuro della rete: dall’omicidio su commissione, alla droga, alla pedofilia

Un viaggio nell’iceberg sommerso del web: 550 miliardi di documenti, contro i due miliardi di quelli in chiaro

MILANO – Portali per pedofili, negozi di sostanze stupefacenti, killer a pagamento: partendo da zero, bastano poche ore di ricerca on line per trovare il peggio della rete. Certo, il metodo non è il solito: non basta inserire un paio di paroline sul nostro motore di ricerca preferito per sprofondare nella parte cupa del web. Bisogna cambiare mentalità, abitudini di navigazione e tecnologia, e andare alla scoperta del cosiddetto web invisibile, deep web per gli anglofoni. Non è un viaggio che vi suggeriamo, e volutamente eviteremo di spiegarvi nei dettagli come effettuarlo. Però vi raccontiamo cosa c’è là sotto. Nel bene e nel male.

WEB INVISIBILE – Navigare su internet è come attraversare un oceano di dati a bordo di un software. Di solito conosciamo già la destinazione del viaggio o almeno le tappe intermedie, cioè digitiamo un indirizzo web specifico e da lì clicchiamo sui vari link che ci interessano, muovendoci di pagina in pagina. Oppure ci affidiamo a un tour operator, un motore di ricerca come Google: gli diciamo cosa desideriamo e ci lasciamo trasportare da lui, fidandoci dei risultati che ci suggerisce. In entrambi i casi pensiamo che internet sia ciò che vediamo, o che ci viene fatto vedere. Come accade a chi è in crociera, quando finisce col pensare che l’orizzonte e la superficie dell’acqua siano l’oceano nella sua interezza, e dimentica la profondità.

Là sotto lo sguardo non arriva, la nave non si immerge, Google non serve. Esiste un mondo di informazioni sommerse che costituisce appunto il contenuto del web invisibile. Continua a leggere