Cosa dobbiamo aspettarci per il 2013!

4 gennaio 2013 | Autore |

clock2013Il 2012 è stato un anno di rivelazioni che hanno aperto gli occhi a milioni di persone, portandoli a conoscenza di cose sconosciute alla maggior parte di loro, hanno potuto conoscere molte verità su personaggi e su quello che succede intorno a noi che i Media ci hanno nascosto e ancora oggi cercano di occultare con le loro bugie e continua DISINFORMAZIONE.

Il 2013 sarà l’anno in cui i cittadini di questa NON voluta Europa dovranno fare conoscenza con alcuni eventi che di già in passato si sono manifestati lasciando alle sue spalle due Guerre, povertà, miseria, fame, sommosse e altre guerre. Il Programma del NWO sarà applicato con molta fermezza e brutalità se nessuno sarà in grado di fermare i criminali che ne fanno parte. Il percorso che hanno segnato porta verso una terza guerra Mondiale con le immaginabili conseguenze che negli ultimi anni si son viste esclusivamente in molti film o giochi da console, nonostante noi, tramite internet non siamo ancora informati abbastanza su cosa hanno veramente progettato per il futuro gli appartenenti al NWO.

Possiamo di già anticipare alcune cose che sono di già state messe in atto nel 2012 e che con l’inizio dell’anno nuovo prenderanno forma definitivamente. Lamentarsi adesso sembra troppo tardi, dire le solite “..se l’avessi saputo..” oppure “..perchè non l’avete detto prima..” non serve a nulla! L’anno passato è stato un anno in cui molti di noi che ci tengono alla vera democrazia, alla salute e benessere di tutti noi, abbiamo messo online tante di quelle informazioni per farvi aprire gli occhi e sperando che almeno una buona parte dei cittadini si sia mossa per fare qualcosa; nulla è stato preso sul serio, anzi, buona parte ha continuato a star seduta davanti alla TV e leggere tutte le schifezze che i giornali hanno scritto, magari dando più credibilità alla loro bugie e criticando con commenti a dir poco da minkioni.

Oggi 1 Gennaio 2013, voglio portarvi a conoscenza di quello che si stà applicando in Germania per via di leggi incostituzionali e che presto sarà applicato i tutta Europa dato che tutti e 27 Stati che ne fanno parte hanno firmato il “Fiskal Pact”, tasse e peso fiscale insopportabili fino allo stremo come provocazione alla sommossa, privatizzazione dell’acqua pubblica e dei cimiteri, già approvate a Brussel.

Ogni cittadino dovrà pagare la somma di Euro 17,98 mensilmente per il mantenimento di quelli che loro considerano “informazione e spettacolo” ovvero le TV, con questo sistema vogliono chiamare a fare cassa.. tutti. Anche se in casa non c’è alcun Televisore o Radioricevente, nel corso dei prossimi mesi molti giornali online saranno a pagamento e verrà introdotto il sistema “Paywall”. Il Ministro delle Finanze Schàuble lavora di già a un pacchetto di risparmi “drastici”, come sempre… prima vengono le elezioni e dopo le mazzate.

barbone-big-300x223Sui generi alimentari verrà aumentata l’IVA, dal 7% verrà portata al 19% che viene applicata su tutta la merce. Anche da noi verrà aumentata nonostante siamo al 21%, quindi anche la tassa sui generi di prima necessità sarà portata a pari punti con le altre, con la speranza che porti nelle casse dello stato altri 23 Miliardi di Euro. Con questa mossa i prezzi dei generi alimentari saliranno alle stelle! Far morire di fame i cittadini per ridurre il deficit dello stato é una mossa che toccherà solamente i più poveri e la classe media, il tema generi alimentari diventerà un problema internazionale e non solo Europeo.

Il Ministro della Guerra Thomas de Maiziere vuole mandare i soldati tedeschi in una nuova guerra in Africa, “lo fanno anche i suoi colleghi dei 27 stati UE”, cercando di aggirare la costituzione dicendo che non si tratta di truppe da combattimento, ma esclusivamente per addestrare ufficiali del Mali (su come ammazzare civili), la stessa telenovela come in Libia, la Siria e altri Stati classificati “Stati canaglia” dalla coalizione USA-NATO-ISRAELE (il toro dice cornuto all’asino), nonostante molti capi di stato hanno involontariamente o no dichiarato che i soldati NATO difendono gli interessi delle banche e delle Multinazionali racchiuse in un solo blocco gestito dai soliti componenti del NWO.

La decisione di mandare Missili Patriot in Turchia al confine con la Siria è una chiara dichiarazione di guerra alla Siria, la Merkel ha ereditato da suo Adolfo i sogni di una Europa oltre i suoi confini.

Il 2013 sarà l’anno in cui la Spagna cadrà in disgrazia a causa del prestito di 18 Miliardi che serviranno a salvare esclusivamente BANKIA, come ben ormai si sa sarà la Germania a speculare su questo prestito che toglierà prima i soldi dalle tasche dei propri cittadini per prestarli alla Banca e poi i cittadini spagnoli con tasse e debito che non potrà mai essere ripagato.

350.000 piccoli azionari saranno da oggi a domani sul lastrico, la stessa Austria che fino a poco tempo fa sembrava la più sapiente nella zona Euro dovrà adattarsi alla politica che le verrà imposta dall’Elite, cancellerà il servizio della leva militare e applicherà la politica di una “Beruf Armee”, un’arte di mercenari a pagamento da mandare in guerra dove gli pare e piace, questo su richiesta del grande fratello Germania. Ciò farà in modo di aumentare il debito pubblico e le tasse come del resto in tutta l’Europa.

La relativa calma sulla crisi finanziaria in Europa si trasformerà in un Inferno specialmente nei paesi PIIGS come Portogallo, Spagna, Italia, Grecia, Irlanda. Nessun problema sarà risolto dato che comprare i titoli di Stato anche se la BCE stamperà Euro senza limiti non è una soluzione, ma ammontare ancora più debito fino a che la montagna di merda ci coprirà, quella sì.

5373guerra1Quello che di sicuro succederà: Brussel diventerà il Ministero delle finanze centralizzato in Europa che potrà far applicare tutte le tasse che vorrà a qualsiasi stato che ne fa parte e riscuotere come e quando lo vorrà, pena, sarà mandata la Eurogendfor a riscuotere il dovuto anche a costo di sequestrare i beni dei cittadini, con le buone o le cattive.

Il 2013 sarà l’anno in cui i governi dichiareranno guerra ai propri cittadini al fine di portarli alla miseria e schiavitù con un solo obiettivo, prepararli alla guerra prossima come di già stabilito.

Il 2013 sarà l’anno in cui la Siria subirà l’aggressione da parte della NATO dopo aver provocato la False Flag che da mesi si discute, ovvero l’uso di armi chimiche da parte della FSA che poi verrà data la colpa all’esercito regolare Siriano e Assad sarò costretto ad abbandonare il campo, con questa mossa sarà aperta l’aggressione all’Iran come di già stabilito tra Obama e il governo Israeliano, quali saranno le conseguenze non è dato a sapere, ma credo che in un precedente articolo ho spiegato quali armi verranno impiegate, ciò comporterà l’entrata della Russia e Cina in una guerra che sconvolgerà il pianeta, lasciando spazio di sopravvivenza a poche persone.

Il 2013 vedrà l’America sprofondare in una crisi e povertà da fantascienza, quello che è stato approvato poche ore fà dai Repubblicane e Democratici! Fiscal Clip.

Era già stato concordato come in un copione da film: Obama ha il compito di distruggere tutto il sociale in USA come lo hanno fatto i capi di governo e di Stato in Europa. Il loro compito è quello di continuare il percorso che gli è stato indicato: guerra a tutti i costi! Quello che a breve vedranno saranno i cittadini americani di oggi, lo hanno visto i loro nonni negli anni 20, che verranno spremuti come limoni fino alla buccia. Le tasse saranno aumentate e i servizi sociali eliminati, il potere di acquisto del dollaro andrà quasi a zero, provocando un caduta in libera discesa del Down Jones che normalmente lo è di già. Dal 1 Gennaio gli americani dovranno pagare 1 Billion Dollari per la tanto acclamata riforma sanitaria “Obamacare“, una cifra di 100 Miliardi di Dollari annuali che i cittadini dovranno sborsare di tasca propria, il Budget per la CIA e altre organizzazioni Parastatali/Militari sarà aumentato sempre a spese dei cittadini, chi non ha un lavoro e non percepisce i buoni pasto dal Governo, è pregato di consegnare le proprie armi per cambiarli in buoni pasto, per quanto?

Caserme e campi di battaglia sono in attesa di carne da macello, il sogno americano è svanito, comincia l’amaro risveglio, (vale anche per i paesi Europei=NATO), la Siria vedrà aumentare la pressione dai paesi ostili che la vogliono vedere distrutta, se fino a oggi non c’è stata un’aggressione via aerea come il Libia è stato grazie alla presenza dei “NO” di Russia e Cina, ma a breve il bravo Rasmussen convincerà il suo cane da guardia Erdogan a fare il passo falso con le tanto chiacchierate armi chimiche e addio Turchia, quante nazioni vuole aggredire Obama, prima di dichiarare che l’America ha dichiarato guerra a tutto il pianeta Terra?

Il 2013  sarà l’anno delle disgrazie per molti Stati Europei che dovranno fare i conti con la Babilonia di Brussel, che aumenterà la pressione fiscale specialmente sugli stati del Sud (Italia, Grecia, Spagna e Portogallo) e alcuni stati del Nord, come l’Irlanda che da ieri si trova in continue dimostrazioni a causa della Tassa sulla casa “IMU in Italia”.

Il 2013 sarà l’anno in cui il Vaticano dirà apertamente di essere sceso a patti con il “Nazionalsocialismo Internazionale” come fece negli anni 30 con l’ascesa di Hitler al potere sponsorizzato per primo dal Vaticano stesso a scendere in campo “Politico”, il resto lo sappiamo come finì

Il 2013 vedrà completare l’opera cominciata nel lontano 1904, ovvero il compimento degli Stati Uniti d’Europa, ma per poco, perchè i cittadini Europei saranno portati alla fame e disperazione totale prima di percepire con quali imbrogli e bugie sono stati trascinati in un’avventura che potevano evitare.

solidarietaIl 2013 sarà l’anno in cui molti personaggi che per decenni hanno gestito la politica in Europa vedranno sparire con i loro sogni anche la loro esistenza e ancora prima i loro familiari… il 2013 sarà l’anno della sfortuna ( 13 ) anche per coloro che credono ancora nella fortuna… nulla verrà tralasciato o rimandato.

Auguri a voi tutti (esclusa la classe Politica) con la speranza che apriate gli occhi e il cervello e dare un segnale in direzione dei malavitosi criminali. Evitate ogni comizio di politicanti, fondate dei comitati cittadini perchè ognuno avrà bisogno dell’altro per i tempi che ci aspettano, siate positivi con voi stessi e chi vi sta accanto. Appartenenza politica o di religione non hanno alcun significato! Quello che conta è il reciproco rispetto e le vostre conoscenze di sopravvivenza che vi saranno di aiuto, spegnete la TV e non pagate più tasse o altre finte prestazioni che lo Stato vi assicura, tutto quello che pagate và a finire nelle casse delle Multinazionali e delle Banche, nulla verrà dato ai cittadini, solo promesse al vento che vanno in direzione Medio Oriente per poi ritornare in sacchi di plastica con una medaglia al valore.

fonte:

Annunci

Pericolo esavalente: vaccino ritirato

16 ottobre 2012 | Autore | Stampa articolo Stampa articolo

Di Roberto Gava

Fonte: Informasalus.it

Messaggio urgente per tutti i genitori che pensano di vaccinare i loro figli con l’esavalente

Ha la data del 6 ottobre 2012, è una comunicazione dall’Istituto di Stato per Controllo dei Farmaci della Slovacchia e reca l’urgenza di classe 1: ritiro immediato del vaccino esavalenteInfanrix Hexa per rischio contaminazione batterica pericolosa (1).

I fatti
Pochi giorni fa, il 6 ottobre scorso, l’Istituto di Stato per Controllo dei Farmaci della Slovacchia diffonde un documento urgente (riferimento n° 12/5541 – 389/2012/900) in cui impone il ritiro immediato dal commercio del farmaco Infanrix Hexa (Codice 34905) della ditta belga GlaxoSmithKline Biologicals s.a., lotto A21CB191B con data di scadenza 01-2014.

La motivazione ufficiale è che durante il controllo di qualità è stata riscontrata una contaminazione microbica dell’ambiente di produzione. È riportato che i prodotti finali della lavorazione (cioè il vaccino in oggetto) non sono microbicamente contaminati, ma, allo scopo di assicurare il mantenimento dello standard di qualità, l’ente di registrazione accetta il ritiro del farmaco Infanrix Hexa dalle farmacie e dai fornitori sanitari. Il documento ufficiale dice che: “I pazienti che sono stati vaccinati con questo vaccino non sono a rischio a causa del vaccino stesso che soddisfa tutti i requisiti di qualità”. Cioè, il vaccino va benissimo e soddisfa tutti i requisiti di ottima qualità … eppure l’hanno fatto ritirare immediatamente! È difficile comprenderne il motivo, almeno per noi comuni mortali.
Il ritiro è stato disposto con urgenza massima: classe 1.

A cosa corrisponde la classe 1 d’urgenza?
La classificazione delle urgenze è stabilita dalle norme europee (norma emea/ins/gmp/459921/2010) ed è la seguente:
1a classe d’urgenza: le urgenze che minacciano potenzialmente la vita oppure possono causare gravi danni alla salute. Provvedimento da attuare immediatamente!
2a classe d’urgenza: le urgenze che possono minacciare la salute o possono portare a cure non corrette, ma non rientrano nella classe 1. Provvedimento da attuare entro 48 ore!
3a classe d’urgenza: le urgenze che non minacciano la salute, ma il ritiro è stato effettuato per altri motivi. Provvedimento da attuare entro 5 giorni!

Cos’è l’esavalente?
L’esavalente (nome commerciale Infanrix HEXA della ditta GlaxoSmithKline) è il vaccino usato anche in Italia per vaccinare i neonati a partire dal 2°-3° mese di vita. Questo vaccino contiene 6 antigeni che dovrebbero proteggere i nostri figli verso i seguenti germi: difterite, tetano, poliomielite, epatite B, pertosse, emofilo tipo B.
A parte la Regione Veneto, e in modo diverso qualche altra Regione, in Italia le vaccinazioni pediatriche obbligatorie sono 4 e cioè contro difterite, tetano, poliomielite, epatite B. Però, a partire dal 2003, è stato messo in commercio il vaccino esavalente (un’unica fiala vaccinale contro 6 germi) che è stato silenziosamente imposto scalzando i 4 vaccini prima disponibili e i genitori si sono trovati obbligati, senza alcuna legge dello Stato, a somministrare ai loro figli 6 vaccini contemporaneamente invece dei 4 obbligatori.
Ciò è accaduto nonostante si sappia che il rischio che un bambino ha di subire danni da vaccino è tanto maggiore quanto più il bambino è piccolo e tanto è maggiore il numero di vaccini somministrati contemporaneamente (2).

Le nazioni che hanno ritirato il vaccino e lotti incriminati
Le notizie sono recentissime e pare che le Nazioni che hanno preso la decisione di ritirare il vaccino Infanrix Hexa siano in aumento.
Allo stato attuale, comunque, le nazioni sono: Slovacchia, Spagna, Germania, Australia, Canada e Francia. La Francia non ha ritirato solo l’esavalente ma anche il vaccino tetravalente e il pentavalente, sempre della ditta GlaxoSmithKline.
I lotti ritirati da questi Paesi sono i seguenti:


Slovacchia

Data del ritiro immediato: 6 ottobre 2012
Numero di lotto: A21CB191B
Siti per la consultazione:
http://www.sukl.sk
– www.slobodavockovani.sk/news/sukl-nariadil-stiahnutie-vyrobnej-davky-hexavakciny-infanrix-hexa-kvoli-mikrobialnej-kontaminacii
– www.sukl.sk/buxus/docs/Inspekcia/PostregistracnaKontrola/Mimoriadne_oznamy/Rozhodnutie_Infanrix121007.pdf

Spagna
Data del ritiro immediato: 8 ottobre 2012
Numeri di lotto: A21CB187E; lo stesso giorno, la Società Spagnola del Farmaco comunica di ritirare anche il lotto 12N0010 (scadenza 31-8-2013)
Siti per la consultazione:
– www.larazon.es/noticia/1481-sanidad-retira-un-lote-de-una-vacuna-infantil-de-gsk-por-una-potencial-contaminacion-microbiana
– www.aemps.gob.es/informa/alertas/medicamentosUsoHumano/2012/docs/calidad_42-12.pdf
– www.sefh.es/sefhboletin/vernoticiaboletin.php?id=5313

Germania
Data del ritiro immediato: 10 ottobre 2012
Numeri di lotto: A21CB191C, A21CB193A, A21CB193B, A21CB193C, A21CB194A
Laboratori paralleli esterni e numeri di lotto interessati dal provvedimento:
– Emra-Med, Kohlpharma, Pharma Westen, Veron Pharma: A21CB187B
– CC-Pharma: A21CB337A
– Pharma Westen, Emra-Med, Kohlpharma, Veron Pharma: A21CB187C
– A.C.A. Müller: A20CA742A, A20CA743A
Sito per la consultazione:
– www.akdae.de/Arzneimittelsicherheit/Weitere/Archiv/2012/20121010.pdf

Australia
Data del ritiro immediato: 11 ottobre 2012
Numeri di lotto: A21CB144A; A21CB188D; A21CB188E; A21CB190A; A21CB197A; A21CB221B
Sito per la consultazione:
– www.tga.gov.au/safety/alerts-medicine-infanrix-121011.htm

Francia
Data del ritiro immediato: 11 ottobre 2012
Numeri di lotto: sono stati ritirati tre tipi di vaccini (il tetravalente, il pentavalente e l’esavalente) della ditta GlaxoSmithKline:
– Infanrix Tetra Im: Lotto AC20B199AC
– Infanrix Quinta: Lotti A20CA742A; A20CA743A; A20CA744B
– Infanrix Hexa: Lotto A21CB337A
Sito per la consultazione:
– http://ansm.sante.fr/S-informer/Informations-de-securite-Retraits-de-lots-et-de-produits/Infanrix-Tetra-Quinta-Hexa-poudre-et-suspension-pour-suspension-injectable-en-seringue-preremplie-Laboratoire-GSK-Retrait-de-lots/%28language%29/fre-FR

Canada
Data del ritiro immediato: 11 ottobre 2012
Numero di lotto: A21CB242A
Sito per la consultazione:
– www.bccdc.ca/imm-vac/VaccinesBC/infanrix.htm
Il comunicato dell’Agenzia di Controllo della Salute canadese (BC Centre for Disease Control) dice: “Genitori e tutori di bambini che hanno ricevuto il vaccino ritirato possono stare certi che il loro bambino è stato vaccinato con un vaccino efficace e sicuro. Più di 20.000 dosi di questo vaccino sono state somministrate ai bambini in Canada dal mese di aprile 2012. Non ci sono state segnalazioni di problemi con questo vaccino che indicano la contaminazione batterica in Canada e in 1,2 milioni di dosi distribuite in tutto il mondo”.

Sono tutti lotti con scadenza 31 gennaio 2014, ad eccezione di un lotto ritirato in Spagna con scadenza 31-8-2013.

Il batterio contaminante
I comunicati ufficiali dicono che nei laboratori di produzione di questo vaccino esavalente è stata trovata una piccola contaminazione da parte del batterio Bacillus cereus.
Il Bacillus cereus è un batterio beta-emolitico a bastoncino Gram-positivo che causa un’intossicazione alimentare simile a quella provocata dallo Stafilococco.
Il Bacillus cereus è un batterio patogeno che produce tossine responsabili di intossicazioni alimentari. È comunemente presente nel suolo e nella polvere e contamina frequentemente alimenti a base di riso e occasionalmente pasta, carne e vegetali, prodotti lattiero-caseari, minestre, salse, dolciumi che non sono stati raffreddati rapidamente ed efficacemente dopo la cottura e/o adeguatamente conservati.
Il Bacillus cereus forma spore resistenti alla maggior parte dei processi di risanamento ed è in grado di moltiplicarsi durante la conservazione. Data la resistenza delle spore, esse sono molto difficili da eliminare e rappresentano un’importante fonte di contaminazione degli alimenti.
Esistono diversi ceppi di Bacillus cereus: alcuni sono innocui, altri responsabili di intossicazioni alimentari anche fatali. Attualmente non sono disponibili metodi in grado di distinguere tra ceppi virulenti e non-virulenti.

Il suo isolamento nel corso di broncopolmoniti, batteriemie, setticemie, meningiti, infezioni dell’orecchio e delle vie urinarie, lo fa ritenere un patogeno di una certa rilevanza.
In particolare, per il ruolo svolto in congiuntiviti acute, iridocicliti purulente, panoftalmie emorragiche, endoftalmiti postraumatiche e metastatiche, anche a carattere fulminante, è considerato uno dei microrganismi più pericolosi per l’organo visivo.

Il Bacillus cereus è causa di due tipi di intossicazioni alimentari:
– una, ad effetto emetico (vomito), dovuta all’ingestione di una tossina presente nell’alimento;
– l’altra di tipo diarroico è dovuta all’ingestione di cellule/spore batteriche capaci di produrre enterotossine nell’intestino tenue.

I sintomi provocati dall’intossicazione diarroica mimano gli stessi provocati dall’intossicazione da Clostridium perfringens(il batterio produttore della più mortale tossina esistente). La sindrome si manifesta con diarrea acquosa, forti crampi addominali e talvolta sotto forma di nausea e vomito. Il periodo di incubazione varia tra le 6 e le 15 ore dopo il consumo degli alimenti contaminati. I sintomi persistono per 20-24 ore.

La tossina emetizzante, caratterizzata da nausea e vomito, differisce da quella diarroica perché provoca una sindrome molto più acuta con un periodo di incubazione non superiore alle 6 ore dal momento di ingestione del cibo. Occasionalmente si possono manifestare crampi addominali e diarrea. La durata dei sintomi è comunque generalmente inferiore alle 24 ore. La sintomatologia è peraltro molto simile a quella dall’intossicazione da Staphylococcus aureus.

Considerando però che questi vaccini vengono inoculati a bambini il cui sistema immunitario è tutt’altro che predisposto a ricevere un simile insulto, il pericolo è molto grave!.

Perché il nostro Ministero non ha finora né scritto né fatto nulla?
I Ministeri della Salute degli Stati suddetti hanno avvisato la popolazione affinché i genitori dei bambini che hanno ricevuto questa vaccinazione negli ultimi mesi contattino le autorità sanitarie con urgenza.
Il nostro Ministero, invece, tace, anche se pare che i Laboratori GlaxoSmithKline di Verona siano tra quelli che producono il vaccino per la Germania e i tedeschi hanno prontamente ritirato i vaccini sospetti di contaminazione.

Dobbiamo credere a quello che ci dicono?
Sapevate che il vaccino esavalente Hexavac (prodotto dalla Sanofi) è stato sospettato di aver causato numerosi casi fatali di edema cerebrale nei neonati e per questo nel 2006 è stato ritirato e sostituito dall’attuale Infanrix Hexa (prodotto dalla GlaxoSmithKline)?
Il Prof. Randolf Penning dell’Istituto di Medicina Legale di Monaco di Baviera ha documentato più di 120 casi e 6 di questi erano morti lo stesso giorno della vaccinazione o il giorno dopo! (3).
La motivazione di quel ritiro, ci dissero in quel tempo, fu che era stata rilevata una variabilità nel processo di produzione che poteva attenuare la capacità di questo vaccino esavalente nell’indurre una risposta anticorpale a lungo termine contro l’epatite B.
In realtà, per quello che si seppe a posteriori, la complicità dell’Agenzia Europea per i Medicinali [EMEA] serviva alla Sanofi per bloccare l’inchiesta che era stata avviata in Germania.
Durante l’inchiesta avviata in Germania, l’Hexavac fu ritirato dal mercato con la suddetta banale ipotetica scusa, mentrel’Infanrix Hexa è rimasto in commercio nonostante fosse anch’esso in causa per gli stessi motivi secondo i patologi di Monaco. Perché quell’inchiesta, che comunque alla fine si è arenata, ha colpito solo l’Hexavac prodotto da Sanofi e nonl’Infanrix Hexa della GlaxoSmithKline?

I vaccini sono sicuri e anche utili?
Consideriamo solo questi aspetti principali:
1) Il sistema immunitario di un bambino di pochi mesi è totalmente immaturo e quindi facilmente squilibrabile.

2) Oggi i bambini sono più deboli di una volta per innumerevoli motivi (madri più stressate, alimentazione meno equilibrata, ambiente inquinato, facili trattamenti farmacologici sia alla madre che al neonato, ecc.).

3) Molti neonati presentano una immaturità particolare del loro sistema immunitario che dura fino a 12-18 mesi e che viene chiamata ipogammaglobulinemia transitoria: se in questo periodo il bambino viene vaccinato, corre un elevato rischio di subire danni da vaccino, mentre, se si attende che il suo sistema immunitario maturi, il rischio si riduce.

4) I bambini nati prematuri o che hanno subito una qualche malattia acuta nei primi mesi di vita o che hanno assunto farmaci immunosoppressori (antibiotici e/o cortisonici) nei primi mesi di vita o che hanno subito interventi chirurgici o che hanno alterazioni immunitarie o che sono figli di genitori con patologie immunitarie o metaboliche e molte altre condizioni squilibranti il loro precario equilibrio immunitario, sono ad elevato rischio di danni da vaccini.

5) E’ noto che minore è l’età del neonato o maggiore è la sua immaturità o maggiore è il numero di vaccini inoculati insieme, maggiore è il rischio che il bambino subisca un grave danno vaccinale. Non dimentichiamo che inoculiamo circa 25 antigeni vaccinali (compresi i richiami) nei primi 15 mesi di vita del bambino!

6) I vaccini sono dannosi perché impediscono al bambino di venire a contatto con germi importanti. Infatti, sappiamo che il sistema immunitario immaturo del bambino viene stimolato, rafforzato e maturato proprio grazie ai piccoli e grandi combattimenti che lo impegnano fisiologicamente in molte sfide quotidiane. Non sarebbe allora più logico, sicuro ed efficace irrobustire la sua immunità aspecifica che lo difenderebbe da tutti i germi, invece di cercare di fortificare (con tutti i rischi che sappiamo) l’immunità specifica proteggendolo con i vaccini contro solo 7-8 germi?

7) Consideriamo che le vaccinazioni che noi pratichiamo non servono per proteggere i bambini dalle malattie virali e batteriche che li affliggono tutti i giorni; anzi, dato che i vaccini indeboliscono il sistema immunitario (effetto massimo nei 20-30 giorni successivi al vaccino), i bambini vaccinati risultano più esposti dei non vaccinati.

8) Inoltre, consideriamo a cosa servano il vaccino antitetanico in un bambino di pochi mesi: si arrampica sui reticolati? E il vaccino antiepatite B? Per caso i nostri piccoli sono così precoci da avere rapporti sessuali pericolosi? E il vaccino contro la poliomielite? L’Europa ha il certificato “Polio Free” (senza poliomielite) dal 2002. E il vaccino per la difterite? Non ci sono casi di difterite né in Italia né nel resto dell’Europa da vari decenni (a parte  qualche sperduta zona della Siberia). In aggiunta, gli extracomunitari sono vaccinati, ma il loro arrivo in numero elevato in Europa non ha causato aumento delle malattie per cui noi vacciniamo i bambini, ma pare aver causato invece un aumento della tubercolosi e delle malattie a trasmissione sessuale.

9) Il cervello ha un suo sistema immunitario specializzato e quando una persona viene vaccinata, le sue cellule immunitarie specializzate (“microglia”) vengono attivate. Vaccini multipli e frequenti iperstimolano questi neuroni provocando il rilascio di diversi elementi tossici (radicali liberi, citochine, chemochine, ecc.) che danneggiano le cellule cerebrali e le loro connessioni sinaptiche. Questa iperstimolazione è la prima causa di tante cerebropatie, non per ultima la sindrome autistica, ma anche la ADHD (disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività), le ipercinesie, le dislessie, le convulsioni, ecc.

10) I vaccini sono pericolosi sia per i loro componenti antigenici che per i loro componenti tossicologici, perché possono contenere: virus vivi o morti, batteri, parti di DNA, frazioni antigeniche, tossine, proteine eterologhe, prioni, antibiotici, mercurio, fenolo, alluminio, formaldeide, fenossietanolo, oli e innumerevoli nuovi composti ad azione conservante o adiuvante, nanoparticelle e chissà cos’altro, … perché ogni tanto si scopre qualcosa di nuovo. Con le conoscenze di immunologia di cui disponiamo oggi, pensare che la somministrazione di queste sostanze a neonati di 2-3 mesi di vita sia totalmente innocua …. è veramente da “sciocchi”!

11) A quanto pare, se la notizia di questi giorni è veritiera (alcuni sono molto dubbiosi in merito, perché temono che la verità sia molto più grave), pare che i vaccini possano contenere anche germi contaminanti … nonostante le sempre super-garanzie che ci danno quando ci assicurano che la produzione dei vaccini è sicura al 100%.

12) I vaccini possono causare qualsiasi patologia nel bambino che li riceve, perché squilibrano il suo sistema immunitario. Infatti, se il bambino ha un sistema immunitario robusto, tollera probabilmente abbastanza bene la vaccinazione, ma se ha un sistema immunitario debole, in un tempo variabile di giorni o mesi svilupperà una delle patologie a cui è predisposto, e chi di noi è senza predisposizioni patologiche congenite o acquisite? E come facciamo a sapere quanto un bambino è forte o debole dal punto di vista immunitario? Oggi potremmo avere molte informazioni di questo tipo con un semplice esame del sangue, ma questo esame non viene fatto! Perché? È forse razionale vaccinare a tappeto 560.000 bambini all’anno senza sapere nulla di loro? È lecito eseguire un trattamento farmacologico (i vaccini sono farmaci) senza personalizzarlo? Senza sapere se l’individuo che lo riceve ne trarrà un beneficio o un danno? È lecito attuare dei trattamenti preventivi che mettono a rischio la salute e addirittura in alcuni casi la vita del bambino? È lecito che un trattamento preventivo in un soggetto sano, specie se è un bambino, possa presentare un minimo di pericolo?

Oggi sappiamo che i vaccini non possono certamente far correre ai nostri figli solo piccoli pericoli, ma preferisco lasciare al Lettore il compito di rispondere a queste domande ricordandogli solo che la letteratura medica contiene migliaia di articoli che documentano i danni da vaccini.
I medici vaccinatori ci garantiscono che tutti i vaccini sono innocui, ma quando i genitori che hanno più paura di danneggiare loro figlio che di fare “brutta figura” davanti i medici vaccinatori chiede loro di mettere per iscritto che la vaccinazione non causerà alcun danno al bambino … nessuno di loro osa mettere la sua firma su un tale documento!
Perché?

Dr. Roberto Gava – Farmacologo
Bibliografia
1) http://www.sukl.sk
2) Gava R. Le Vaccinazioni Pediatriche. Revisione delle conoscenze scientifiche. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2a ed. 1a rist., 2010
3) Zinka B., Rauch E., Buettner A.,Ruëff F., Penning R. Unexplained cases of sudden infant death shortly after hexavalent vaccination. Vaccine 2006; 24 (31-32): 5779-80.

FONTE:

Argentina: un modello che mette paura ai nostri vecchi rottami

Una famosa canzone recitava Don’t cry for me Argentina….era per Evita… Beh,ora l’Argentina non piange più,può sorridere con Cristina… Siamo noi a piangere,e per noi stessi…. Loro si sono liberati dalle scimmie usuraie che avevano sulle spalle, scimmie che in un abbraccio mortale,stanno invece soffocando noi. Il problema é che noi non abbiamo una Cristina Kirchner,non abbiamo un tal coraggioso presidente che ama e vuole il suo Paese libero,ma un vecchio rottame servo di questi usurai che ha nominato uno squallido esecutore tecnico dei loro ordini:la distruzione del nostro Paese,aiutato in questo da un pattume parlamentare di azzeccagarbugli senza dignità e che mai più dovremmo avere davanti agli occhi. E’ certo che nessuno piangerà per la scomparsa di questi incapaci e servili parassiti

nestor kirchner esposa cristina

Kirchner,una lezione all’Europa:

 Parlando alla Camera di Commercio di Buenos Aires il 2 agosto, nella ricorrenza della sua fondazione, il Presidente argentino Cristina Fernandez de Kirchner ha nuovamente stigmatizzato la politica antipopolare dei governi europei ricordando che il suo scomparso consorte Nestor Kirchner ammonì nel 2003 alle Nazioni Unite che “i morti non possono pagare i debiti”. L’allora Presidente Kirchner spiegò che l’austerità non avrebbe mai generato una ripresa in Argentina e giurò di non anteporre gli interessi dei banchieri a quelli dei cittadini. “Sento che l’Europa non capisce questo”, ha detto la Kirchner. Guardiamo alla Spagna: “Come si fa ad avere la crescita se la gente perde il lavoro, i salari vengono tagliati, le case messe all’asta e i benefici sociali ridotti?” Ho letto che il 10 per cento dell’impiego pubblico verrà tagliato, assieme a 50 mila posti letto negli ospedali, ha detto. “Non si può sostenere un’economia o una società in queste condizioni”, ha ammonito. In Europa “c’è un’incredibile crisi speculativa”, aggiunto, “qualcosa che noi conosciamo bene”. Confutando l’idea che in Europa ci sia un’eccessiva spesa pubblica, ha ricordato che ci sono stati i salvataggi bancari, come quella della Bankia in Spagna, che era amministrata dall’ex direttore del FMI, Rodrigo Rato. Rato. “Era solito impartirci lezioni” sulla politica economica, ma la sua banca ha un buco di 230 miliardi di euro. C’è stato un incredibile salvataggio delle banche, così che queste hanno potuto disimpegnarsi dalle posizioni difficili” , ma si tratta “delle stesse banche che hanno prestato i soldi a quei paesi! È proprio “come l’Argentina nel 2001”, quando i predatori finanziari stranieri imposero “mega-swaps” e salvataggi a condizioni usuraie, promettendo che ciò avrebbe blindato il paese dalla crisi. Fino all’ultimo i finanzieri proclamarono che l’economia fosse veramente “solida”. Era una frode, e gli argentini ne furono vittima. Il Presidente argentino ha parlato alla vigilia del pagamento di 2,3 miliardi di dollari ai possessori dei bonds Boden-2012, rilasciati in cambio dei soldi congelati nel “corralito” imposto nel 2001 dal folle ministro delle Finanze Domingo Cavallo. La Kirchner ha sfruttato l’occasione per documentare come il debito estero, a cominciare dal famoso prestito dei fratelli Barings nel 1811, è stato usato per saccheggiare il paese, dettagliando come l'”aritmetica dei banchieri” ha costretto l’Argentina a pagare e pagare ma il debito cresceva sempre. Il presidente Kirchner esulta e afferma che il suo paese ce l’ha fatta senza adottare misure di austerity. Dopo più di dieci anni, da quando fece default su debiti esteri per un valore superiore a 100 miliardi di dollari, l’Argentina ha onorato i suoi impegni. Esattamente, stando a quanto riporta AP, il paese ha rimborsato il 92,4% di quelle obbligazioni, e l’ultimo pagamento avverrà oggi, e sarà pari a 2,3 miliardi di dollari. La bella notizia riguarda quei risparmiatori che rischiarono di più e che si trovarono a fare una difficile e terribile scelta, quando l’Argentina fu sull’orlo del collasso e, in modo particolare, quando il governo sequestrò, nel 2002, i depositi denominati in dollari, al fine di porre un freno alla corsa agli sportelli:. La scelta fu decidere di convertire i loro depositi in pesos – una valuta dal valore crollato – per accedere a quanto era rimasto dei loro risparmi, oppure accettare un pezzo di carta, che conteneva la promessa che il governo avrebbe ripagato l’ammontare in dollari nel corso dei 10 anni successivi. Chi optò per la seconda ipotesi, mettendosi in tasca un pezzo di carta che un decennio fa era a dir poco carta straccia,ora sorride. Sul proprio sito Facebook, la Kirchner ha pubblicato tabelle del governo che mostrano come tutti i parametri finanziari, economici e sociali sono migliorati dal 2002 ad oggi. Il debito pubblico è sceso dal 166% al 41,8%, il PIL è raddoppiato, gli interessi sul debito sono passati dal 21,9 al 6% del bilancio, il salario minimo è cresciuto otto volte, il numero dei poveri è sceso dal 48 al 7%, il debito delle province dal 21,9 al 6,9%. Sono cifre da spiattellare in faccia a chi dice che se l’Italia esce dall’Euro “farà la fine dell’Argentina”.

Fonte:

IL METEO TRA FINZIONE E REALTÀ: SANNO MA CONTINUANO A NASCONDERCI LA VERITÀ! LA GRANDE BUGIA SULL'ALTA PRESSIONE..

 

di Zret per tankerenemy.com
Il vero paradosso meteorologico dell’estate 2012 è la permanenza (sino al 9 luglio 2012) di una vasta area di bassa pressione che, con il suo centro sull’Africa settentrionale, avrebbe dovuto estendere il suo influsso per lo meno sull’Italia centro-meridionale e sulle isole maggiori. Invece l’intera Europa mediterranea è stata sotto una cappa di afa soffocante. Che cosa è successo? Come è possibile che valori barici medio-bassi (da 1.000 millibar in giù) non siano stati associati a cielo con nuvole ed a qualche precipitazione? [1]

I bollettini meteo di regime si riferiscono ad aree di alta pressione, cui sono state assegnate sinistri nomi (Scipione l’Africano, Caronte, Minosse, Lucifero), corrispondenti ad altrettante ondate di caldo torrido. Le carte delle isobare di queste ultime settimane, però, smentiscono le informazioni di regime, mostrando che l’anticiclone delle Azzorre, tipicamente estivo, staziona sull’Atlantico, mentre gran parte del continente europeo è tenuto in una condizione artificiale di “bel tempo”, sinonimo di una siccità cronica, sempre più allarmante. Anche l’umidità non è poi così alta, essendo decurtata dalle consuete attività igroscopiche, cui concorrono apparati elettromagnetici.

In questa fiera di menzogne propalate dai siti meteorologici militarizzati, si distingue qualche dispaccio che rivela le reali condizioni atmosferiche. Ad esempio, recentemente il centro della Croazia ha diramato la seguente diagnosi: “Il campo di bassa pressione si mantiene sopra l’Adriatico”. E’ proprio così! Tuttavia il pubblico si lascia abbindolare ora da ufficiali e sottoufficiali dell’Aeronautica militare ora dalle ammiccanti meteorine (anche in divisa) che, indicando simboli del “sereno”, del “poco nuvoloso” e delle “innocue velature”, lasciano credere che a quelle carte falsificate corrisponda una concreta situazione meteorologica. Continua a leggere

L’EURO E’ CROLLATO !!!…

L’EURO E’ CROLLATO !!!

L’EURO E’ CROLLATO…

ATTENZIONE …NON E’ URGENTE LO E’ DI PIU’………….
Fulvia Strippoli

E ‘con trepidazione che ti scrivo …. L’Euro è crollato ufficiosamente. Il denaro è OUT di Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, Italia, Francia, Belgio e le élite tedesche hanno iniziato a puntellare la loro ricchezza in attività dure e metalli preziosi. RBS ha dato ordine di chiudere due dei suoi principali settori azionari, migliaia di posti di lavoro saranno persi nei prossimi giorni / settimane. Credit Sussie ha invitato gli investitori migliori a testa per Svizzera porto sicuro e dure portafogli diversificati.

I controlli di capitale sono in atto per mantenere la farsa del controllo in corso per i prossimi quattro-sei mesi prima del crollo ufficiale. Steve … è questo. L’Euro è crollato e nessuno l’ha notato. Assalti alle banche greche sono vicino a $ 3,5 miliardi di euro al giorno non è la 1 miliardo di dollari che è stato segnalato. Il resto del PIIGS sono nella stessa barca. Bank Holiday imminente in tutta l’Europa continentale nei prossimi giorni e settimane. Questo è di nuovo teatralità di mantenere i plebei che credono in una parvenza di controllo.

Si prega di avvertire i vostri ascoltatori di tirare fuori tutto il loro account di banca di cui hanno bisogno. Conservare solo per pagare il giorno per giorno le spese. Se hanno terre in cui andare, si prega di farlo ora. Steve non so quanto tempo posso continuare a scrivere a voi. Sei stato buttato fuori linea durante il vostro spettacolo con i Haggmans destra prima stavano per divulgare quello che ti ho detto con il piano di salvataggio spagnolo. Si sta facendo pericoloso per tutti ora.

Ancora una volta l’Euro è crollato … ripeto l’euro è crollato. Ufficiosamente.

Che Dio ci aiuti tutti ….

VI PREGHEREI DI CONTROLLARE BENE ANCHE VOI ……..

………………..

Per salvare la Spagna, indebitano l’Italia!

http://www.byoblu.com/post/2012/06/13/Per-salvare-la-Spagna-indebitano-lItalia!.aspx

———————————————————————–

jhaines6.wordpress.com

This info was forwarded to me about 9:30 this evening, Pacific Time. I’ve waited until my guides finally told me it was no longer a maybe, but a fact. Sadly, it is obvious to me that the writ…

The Euro Has [Unofficially] Collapsed. . . NOTE: This is NOT the final red screen, June 14, 2012

Posted on June 15, 2012

This info was forwarded to me about 9:30 this evening, Pacific Time. I’ve waited until my guides finally told me it was no longer a maybe, but a fact. Sadly, it is obvious to me that the writer of this message is in great fear and has no spiritual knowledge and understanding of the significance of what is occurring.

I’m going to try to get some sleep now, so that I will be up and in sync with East Coast time. Tomorrow is likely to be a busy day – and in the real world my dogs will still need to be walked. If anyone has anything to share, you all know how to put it in the Comments section, most likely of this post. That way everyone will have a chance to take a look.

Thanks and love and hugs to everyone,
~J

June 14, 2012

Steve,

It is with trepidation that I write to you….The Euro has collapsed unofficially. The money is OUT of Greece, Spain, Portugal, Ireland, Italy, France, Belgium and the German Elites have begun to shore up their wealth in hard assets and precious metals. RBS has given orders to close two of their major equities sectors, thousands of jobs are going to be lost the next few days/weeks. Credit Sussie has called on top investors to head to Swiss safe harbor and hard asset diversified portfolios.

The Capital Controls are in place to keep the charade of control going for the next four to six months before the official collapse. Steve…this is it. The Euro has collapsed and no one has noticed it. Greek bank runs are close to $3.5 Billion Euros per day not the $1 Billion that is being reported. The rest of the PIIGS are in the same boat. Bank Holiday imminent in all of continental Europe in the coming days and weeks. This is again theatrics to keep the plebeians believing in some semblance of control.

Please warn your listeners to pull out of their bank accounts everything that they need. Keep only to pay the day to day expenses. If they have land to go to, please do so now. Steve I do not know how much longer I can keep writing to you. You were knocked off line during your show with the Haggmans right before your were going to divulge what I have told you with the Spanish bailout. It is getting dangerous for all of now.

Again the Euro has collapsed…I repeat the Euro has collapsed. Unofficially.

May God Help Us All….

——————————————————————————–

LE BANCHE SONO PRONTE AL CRACK …ORA CHI NON CI CREDE FARA’ LA FINE DELL’ARGENTINA !!!
Beatrice Mummolo
Verso il fallimento: la fuga di capitali va avanti dalle banche italiane, Never Ending M1 Collapse.
http://www.italianscream.com/?p=606&utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+ItalianScream+%28Italian+Scream%29

Money: Italian Contribution to the Euro Area Monetary Aggregates (Rate Fluctuations out of 12 months)

(End of April 2012, updated Figures)

www.italianscream.com

Maybe not everybody knows that every month the Bank of Italy publishes in its internet site (Link) a monthly Supplement to the Statistic Report dealing with Money and Banks.
———————————————————————————————–
 TRADUZIONE ITALIANO :
L’euro ha [non ufficiale] Collapsed. . . NOTA: Questo NON è la schermata finale rosso, 14 giugno 2012
jhaines6.wordpress.com

Questa informazione è stata trasmessa per me 09:30 di questa sera, ora del Pacifico. Ho aspettato fino a quando le mie guide, infine mi ha detto che non era più un forse, ma un dato di fatto. Purtroppo, è ovvio per me che l’atto di citazione …

L’euro ha [non ufficiale] Collapsed. . . NOTA: Questo NON è la schermata finale rosso, 14 giugno 2012
Pubblicato il 15 giugno 2012
Questa informazione è stata trasmessa per me 09:30 di questa sera, ora del Pacifico. Ho aspettato fino a quando le mie guide, infine mi ha detto che non era più un forse, ma un dato di fatto. Purtroppo, è ovvio per me che l’autore di questo messaggio è in grande paura e non ha alcuna conoscenza spirituale e la comprensione del significato di ciò che sta avvenendo.

Io vado a cercare di dormire un po ‘adesso, così che sarò e in sincronia con il tempo East Coast. Domani è probabile che sia una giornata intensa – e nel mondo reale i miei cani devono comunque essere percorsa. Se qualcuno ha qualcosa da condividere, voi tutti sapete come mettere nella sezione commenti, più probabile di questo post. In questo modo tutti avranno la possibilità di dare un’occhiata.

Grazie e amore e abbracci a tutti,
~ J

14 GIUGNO 2012

Steve,

E ‘con trepidazione che ti scrivo …. L’Euro è crollato ufficiosamente. Il denaro è OUT di Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, Italia, Francia, Belgio e le élite tedesche hanno iniziato a puntellare la loro ricchezza in attività dure e metalli preziosi. RBS ha dato ordine di chiudere due dei suoi principali settori azionari, migliaia di posti di lavoro saranno persi nei prossimi giorni / settimane. Credit Sussie ha invitato gli investitori migliori a testa per Svizzera porto sicuro e dure portafogli diversificati.

I controlli di capitale sono in atto per mantenere la farsa del controllo in corso per i prossimi quattro-sei mesi prima del crollo ufficiale. Steve … è questo. L’Euro è crollato e nessuno l’ha notato. Assalti alle banche greche sono vicino a $ 3,5 miliardi di euro al giorno non è la 1 miliardo di dollari che è stato segnalato. Il resto del PIIGS sono nella stessa barca. Bank Holiday imminente in tutta l’Europa continentale nei prossimi giorni e settimane. Questo è di nuovo teatralità di mantenere i plebei che credono in una parvenza di controllo.

Si prega di avvertire i vostri ascoltatori di tirare fuori tutto il loro account di banca di cui hanno bisogno. Conservare solo per pagare il giorno per giorno le spese. Se hanno terre in cui andare, si prega di farlo ora. Steve non so quanto tempo posso continuare a scrivere a voi. Sei stato buttato fuori linea durante il vostro spettacolo con i Haggmans destra prima stavano per divulgare quello che ti ho detto con il piano di salvataggio spagnolo. Si sta facendo pericoloso per tutti ora.

Ancora una volta l’Euro è crollato … ripeto l’euro è crollato. Ufficiosamente.

Che Dio ci aiuti tutti ….

—————————

LE BANCHE SONO AL Pronte CRACK … ORA CHI NON CI CREDE FARA ‘LA FINE DELL’ARGENTINA!
Beatrice Mummolo
Verso il Fallimento: la fuga di capitalizzazione va avanti Dalle Banche italiane, Never Ending M1

Money: Contributo italiano agli aggregati monetari dell’area dell’euro (fluttuazioni Vota su un totale di 12 mesi)

(Fine aprile 2012, Dati aggiornati)

Verso il fallimento: la fuga di capitali va avanti dalle banche italiane, Never Ending M1 Collapse. | I
www.italianscream.com

Forse non tutti sanno che ogni mese la Banca d’Italia pubblica nel suo sito internet (Link), un supplemento mensile al rapporto statistico che fare con Moneta e Banche.

fonte:

Le manifestazioni in Spagna sono diventate oceaniche

The resistance against the austerity has led to distrust of politicians and bankers. However they don’t desist from pursuing their plan of sending European States into bankruptcy.

La resistenza contro il rigore ha portato alla sfiducia nei confronti di politici e banchieri. Eppure questi continuano a perseguire il loro squallido piano di mandare  gli Stati europei in bancarotta.
L’altro ieri i sindacati della scuola hanno portato in piazza a Madrid 8 milioni tra studenti e insegnanti, per difendere il diritto all’istruzione e per chiedere il ripristino dei sussidi governativi al fine di evitare licenziamenti di massa e ulteriori aumenti delle rette scolastiche.

“Ci stanno derubando del nostro futuro,” – ha detto uno studente – “non so come andrà a finire, ma non ci possiamo fermare di fronte a tanta barbarie.”
“La crisi economica non ha soluzione, ma i governi dei banksters non l’hanno capito.” – ha aggiunto un insegnante – “Accrescere il rigore trasformerà la collera in rivolte sociali dagli esiti imprevedibili.”

La corsa agli sportelli bancari per ritirare i risparmi in pericolo è il primo segnale che la situazione si sta facendo incandescente.
Quanto meno irresponsabile appare, pertanto, il comportamento dei leaders europei che, mentre i Paesi membri si avviano alla bancarotta, blaterano di ripresa nello spazio di pochi mesi.

fonte:

PARLIAMO ARABO…

scrivere arabo

Moltissime parole italiane derivano dalla lingua araba.

  • La presenza di arabismi nella lingua italiana si deve principalmente alle seguenti ragioni storiche:
  • – gli Arabi ebbero il dominio del Mediterraneo, specialmente in Sicilia (dove furono dall’anno 827 al 1091) e in Spagna (fino al 1492);

    – i contatti diretti degli Italiani con gli Arabi furono frequenti, in occasione di viaggi e di spedizioni in Oriente, per motivi commerciali o religiosi (le Crociate);

    – gli Arabi, stanziatisi in Europa, ci hanno trasmesso testi filosofici e scientifici – tradotti in latino – propri della loro cultura o di quella di altri popoli.

    Venute meno tali circostanze, che avevano favorito i rapporti tra il nostro paese e gli Arabi, cessò anche l’influsso da essi esercitato sulla lingua italiana, cosicché l’ingresso degli arabismì in italiano rimane limitato al periodo che va all’incirca dal sec. IX al XV, con la precisazione che l’afflusso più cospicuo si ha nei secoli XI-XII, poi gradatamente diminuisce fino a diventare nullo in età moderna.

    Fra i più comuni arabismi meritano di essere citati (senza indicazione della data, a causa di attestazioni spesso incerte):

    Viaggi per terra e per mare scirocco, monsone, arsenale, darsena, ammiraglio, cala, catrame, carovana, gabella, dogana, razzia, aguzzino (guardiano dei rematori nelle navi)
    Termini astronomici e geografici almanacco, azimut, zenit, nadir, libeccio, scirocco;
    Termini commerciali dogana, fondaco, gabella, magazzino, tariffa;
    Termini di pesi e misure quintale, rotolo, risma;
    Nomi di abiti, stoffe e tessuti giubba, cotone;
    Cibi, piante, aromi albicocco, arancia, carciofo, limone, melanzana, spinaci, caviale, bottarga , caffè, muschio, gelsomino, zenzero, tamarindo, zucchero, sciroppo, sorbetto, ribes, zafferano, canfora, elisir;
    Termini vari alcole; alchermes: bagarino (= incettatore); divano; facchino; marzapane; ragazzo (originariamente significava “mozzo di stalla”); zecca.
    Matematica e scienze algebra, logaritmo, cifra, zero, alambicco, talco, carato, alchimia, ambra, antimonio, elisir
    Giochi, vestiti, strumenti musicali maschera, cerbottana, scacchi, scialle, giubba, cotone tamburo, nacchere, liuto
    Oggetti piccoli e grandi caraffa, giara, tazza, bricco, sofà, persiana, materasso, taccuino, almanacco

    Nel testo che segue tutte le parole in rosso derivano dall’arabo:
    “Un 
    saraceno col turbante o col fez, calzato di babbucce, adorno di talismani, di turchesi e di altre pietre azzurre e di lapislazzuli coglie lezagare per la sua ragazza …”

    …E CONTIAMO ARABO

    I numeri ci sembrano così familiari che viene da pensare che siano esistiti da sempre, scritti così come li conosciamo.

    Sappiamo che il numero che noi leggiamo “dieci”, gli inglesi lo leggono “ten”, i francesi lo leggono “dis” e ancora diversamente lo leggono altre popolazioni. Però tutti lo scrivono “10”.

    Tanto tempo fa, invece, non era così: non solo i numeri venivano detti in modo diverso, ma venivano anche scritti in modo diverso dalle varie popolazioni. Noi abbiamo ora solo dieci simboli o cifre per scrivere qualunque numero, anche grandissimo. Un tempo, invece i simboli erano molti di più e, soprattutto per scrivere numeri molto grandi, venivano adoperati tanti segni.

    Per scrivere per esempio il numero 3472 noi adoperiamo quattro segni. I romani scrivevano invece: “MMMCCCCLXXII” e cioè adoperavano dodici segni.

    Furono le popolazioni indiane che inventarono il modo per poter scrivere i numeri adoperando solo dieci cifre con quello che ora viene chiamato metodo posizionale nel quale, cioè, una cifra cambia di valore a seconda del posto che occupa. Ma furono gli arabi che lo comunicarono a tutto il mondo occidentale. Il califfo arabo di nome al-Mansur ricevette a Baghdad una delegazione di astronomi e studiosi indiani. Era circa il 760 dopo Cristo.

    Il califfo aveva già sentito parlare di questo modo originale e intelligente di. scrivere i numeri e chiese agli studiosi indiani se glielo spiegavano. Essi accettarono di buon grado e gli mostrarono anche come fosse molto più facile, usando quel metodo, fare le quattro operazioni.

    Da quel momento gli studiosi arabi, già molto esperti nel campo dei numeri, ebbero in mano uno strumento molto più potente e fecero grandi progressi. Circa mezzo secolo dopo un astronomo dell’Accademia Bayt al Hikrna (casa della sapienza) che si chiamava Mohammed ibn Musa al-Khuwarizmi scrisse, per la prima volta nel mondo, un libro in cui spiegava il metodo posizionale, le operazioni e tutta l’aritmetica conosciuta fino ad allora. Dette anche nuovi simboli ai numeri rispetto a quelli indiani, introducendo quelli conosciuti attualmente.

    Il libro ebbe, negli anni successivi, grande diffusione in tutto il mondo arabo e quindi anche in Sicilia e in Spagna. Quando nel 1100 fu tradotto in latino (che era ancora la lingua usata per scrivere), diventò la base per lo sviluppo della matematica in tutto il mondo occidentale e quindi per il progresso della scienza e della tecnica.

    Una curiosità: avrete sentito certo parlare de “Le mille e una notte” e conoscerete la storia di Sherazade. Bene, vi siete mai chiesti perché proprio mille e una? Provate a moltiplicare qualunque numero di tre cifre per 1001 e guardate cosa succede!

    Conta gli angoli

    La forma dei numeri arabi, così come li conosciamo, deriva dalla quantità di angoli contenuti nel disegno del numero. Guarda lo schema qui accanto: il numero 1 forma un angolo, il numero 2 due angoli e così via…

    fonte:

    APPELLO IMPORTANTE – MOBILITIAMOCI IL PERICOLO E’ ESTREMO

    23 febbraio 2012 | Autore  | Stampa articolo Stampa articolo

    Mobilitiamoci, il pericolo è estremo un domani potremmo rimpiangere amaramente di non esserci adoperati per fermare la dittatura imminente.Maurizio Blondet dal sito www. effedieffe.com

     Dopo matura riflessione, invitiamo i lettori ad aderire all’appello riportato qui:

    L’Italia non deve aderire all’ESM. Ecco la mozione.

    Scrivete in massa ai politici, parlamentari, ministri, eurodeputati, giornali, opinion makers in genere: è l’ultima possibilità di impedire la perdita definitiva e permanente della sovranità, o di quel che ne resta. Cancellata quella, finisce anche la libertà, una conquista che è costata secoli di lotte e sangue, e che i nostri figli e nipoti dovranno riconquistare con altre lacrime e sangue. (Consigliamo i lettori di Stampa Libera di stampare decine e decine di copie dell’appello e deporlo nei bar e altri luoghi pubblici come tram, metrò, treni- Chi lo legge a sua volta ne stampi tante altre copie e le porti in giro in ogni luogo.

    La mozione da inviare ai politici è già nel sito palermitano (grazie per una volta, siciliani!), e basta scaricarlo. I dettagli del pericolo estremo li spiega molto bene la giovane economista Lidia Undiemi (che non conosco di persona) nel video; chi ha tempo, legga il materiale in pdf. Continua a leggere

    Il crollo del dollaro e la fine delle illusioni

    L’Armageddo inizierà il 21022012
    (leggere la data all’incontrario)

    Ci stiamo avvitando in una spirale che ci riporta ai tempi del terrore e dellabrutalità dei governi.
    Chi di spada ferisce di spada perisce. Il vergognoso imbroglio ordito dai banchieri internazionali è stato smascherato. Ci siamo resi conto che l’espansione del credito, invece di rendere la crescita infinita, l’ha definitivamente arrestata.

    Il crollo del dollaro determinerà la disintegrazione economica dei Paesi occidentali. Questo è solo uno dei mille eventi che ci avvertono cheArmageddon è arrivato. Ma è sufficiente elencarne una decina, per capire che le convinzioni degli economisti non allineati è ben fondata.
    Il 21 febbraio avrà inizio l’embargo petrolifero contro la Francia e il Regno Unito. Sarkozy e Cameron, già in disaccordo in diverse occasioni, ne hanno avuta un’altra per meditare sulla meschinità delle loro scelte.
    derivati, tossici o falsificati, riempiono gran parte dei forzieri delle banche.

    Il prezzo degli immobili scende, la disoccupazione aumenta, le spese per il Welfare sono state tagliate e i disagiati si rivoltano contro gli sfratti. I debitidei Paesi occidentali sono sempre più alti e il PIL sempre più basso’.
    Cina e Russia si stanno rapidamente liberando delle obbligazioni americane.

    Da martedì 20 marzo 2012 la Banca Petrolifera Iraniana accetterà in pagamento solo euro, yen, yuan, rupie, oro, argento o un paniere di queste valute. Dell’iniziativa beneficieranno i Paesi asiatici e sudamericani, la Russia, l’india, la Cina, il Sud Africa, il Giappone, il Sud Corea la Turchia.
    E’ ovvio che questi Paesi non avranno più interesse a schierarsi con l’occidente nell’ipotesi in cui questo scatenasse una guerra contro l’Iran.

    Tra marzo e aprile si voterà in Francia, Russia e Grecia. I cambiamenti che in seguito al voto sono previsti nella loro politica saranno importanti ai fini della geopolitica. I francesi, infatti, torneranno a votare per il partito socialista, la maggioranza dei russi si sposterà a sinistra e i greci diranno basta alle prepotenze della troika.
    La vittoria di Antonis Samaras, il leader di Nuova Democrazia da sempre contrario alla moneta unica, è scontata, dal momento che il suo programma prevede il ritorno alla dracma. I greci lo voteranno, perché non vedono l’ora che l’Europa li segua nel loro fallimento.

    Tra maggio e giugno ci sarà il crollo definitivo del dollaro in conseguenza della sua esclusione dalla Borsa Petrolifera Iraniana.

    E’ cominciata la stagione delle manifestazioni oceaniche contro le misure di austerità imposte dai leader dell’UE. Dopo quelle in Grecia e Portogallo, ieri è stata la volta della Spagna, dove sono scesse in piazza oltre 600.000 persone.

    Completano il quadro le annunciate esercitazioni militari congiunte di Iran e Siria nel Mediterraneo e le tensioni irte di pericoli con l’India.
    Erano decenni che i venti di guerra non spiravano con tanta violenza.

    fonte:

    Macché debito, il guaio sono loro: tre criminali e un cretino

    Il mondo intero lo sta gridando all’Europa: il problema non è il debito, ma l’euro. Persino un mega-speculatore come Charles Dallara dell’Institute of International Finance americano interviene sui negoziati sulla Grecia: «Non temiamo il debito in sé, ma la loro impossibilità di onorare un debito denominato in una moneta straniera, cioè l’euro». Al coro si aggiungono premi Nobel e prestigiosi macroeconomisti, ma “loro” non vogliono capire. “Loro”, per Paolo Barnard, sono «tre criminali e un cretino». Angela Merkel, Nicolas Sarkozy, Mario Draghi e Mario Monti. «Insistono con questa demenza devastante secondo cui il dramma che stiamo vivendo in questa caduta ad avvitamento nel baratro è dovuto al debito. Quindi bisogna pareggiare i conti, quindi ci vuole ancora più austerità». Tre criminali e un cretino? «Il cretino è Sarkozy», che non capisce che anche la Francia sarà cannibalizzata dalla Germania.

    Non è il debito il nostro problema, dice Barnard, giornalista e saggista, autore de “Il più grande crimine” sul complotto della finanza contro la Paolo Barnardsovranità degli Stati e organizzatore in Italia del primo summit mondiale sulla Modern Money Theory. «Se fosse denominato in moneta sovrana, e non in euro», il debito italiano «non causerebbe nulla, neppure fosse al 300% sul Pil». La Spagna dell’euro non-sovrano viaggia con un debito appena sopra il 60% del Pil, che è proprio il goal virtuoso del Patto di Stabilità voluto dalla Germania, eppure Madrid è nella fossa dei leoni e alla gogna dei mercati. Al contrario, dal 1994 al 1998 l’Italia della lira sovrana accumulò un debito stratosferico, fino a un picco del 132% del Pil, ma nulla accadde: perché?

    Lo conferma una recente analisi di “Repubblica”: a giudizio di “Standard & Poor’s”, la stessa agenzia di rating che ci ha appena declassato, a metà degli anni ‘90 l’Italia appariva come una delle economie leader dell’Unione europea, con una crescita media annua superiore al 2% nell’ultimo decennio. “S&P” apprezzava allora il record italiano di un tasso d’inflazione moderato, la responsabile condotta della Banca d’Italia nonostante il persistente elevato livello del disavanzo pubblico (9,4% del Pil) ed il gravoso e crescente debito (124% del prodotto intrerno lordo. L’agenzia di rating Charles Dallaraapprezzava anche «il forte tasso di risparmio» (15% del Pil) e «la concentrazione in mani nazionali ed europee del debito italiano».

    Ieri l’inflazione era al 5,8%, oggi è dimezzata ma siamo alla gogna: «Con la moneta sovrana, il deficit e l’alto debito dell’Italia erano risparmio dei cittadini, non il loro debito». Il problema? «Solo con l’introduzione del catastrofico euro, il deficit e il debito pubblico italiani sono diventati il debito dei cittadini», perché l’euro «è moneta non sovrana che l’Italia deve prendere in prestito dai mercati privati, e che non può emettere». Eppure, aggiunge Barnard, «i tre criminali e il cretino insistono contro l’evidenza universale», per cui «dobbiamo rimanere nell’euro a qualsiasi costo, anche se ci stiamo decomponendo da vivi, gridando di dolore per le piaghe da decubito dell’austerità».

    «Le riunioni dei leader della Ue si concentrano sui temi sbagliati», insiste ancora “Standard & Poor’s”. «L’adozione di pacchetti di austerità per ridurre i deficit non identificano i rischi reali». Infatti, aggiunge l’agenzia di rating, «durante i primi 10 anni dell’euro la Germania aveva uno dei deficit più alti in assoluto, mentre la Spagna aveva pareggio di bilancio». Le parole non sono confondibili: ci hanno detto, loro, i super-esperti di debito e “affidabilità”, che l’intero martirio sociale dell’austerity non ha senso: mentre la Spagna era un modello di disciplina di bilancio ed è finita alla Merkel, Sarkozy e Montigogna, la Germania, nonostante la versione di comodo di tanti «ipocriti falsari», aveva «una pagella pessima»: eppure «ha sempre volato».

    Quindi il problema non è il deficit: «La Germania vola perché esporta valanghe di cose in tutto il mondo», spiega Barnard. Ancora per poco, i mercani concedono prestiti alla Germania «solo perché sanno che può ripagare i debiti grazie a quell’export immenso», e non certo perché disponga dell’euro. «Se i tedeschi non avessero la carta delle esportazioni da giocarsi, avremmo i Piiggs», e cioè Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia, Germania e Spagna. «E infatti – aggiunge Barnard – la Francia del cretino è sotto attacco dai mercati sempre di più, perché ha questo sciagurato euro senza possedere un’arma potente come quella dei tedeschi».

    Eppure, «i tre criminali, seguiti a ruota dal cretino, devono consegnarci nella mani dei barracuda dei mercati, massacrando il destino di milioni di famiglie e di centinaia di migliaia di aziende», fingendo si non sapere che «è impossibile risanare un’economia tassandola a morte e però impedendo allo Stato qualsiasi spesa pro cittadini che sia anche di un centesimo superiore a quanto i cittadini devono restituire in tasse, cioè imponendo il pareggio di Paul Krugman, Premio Nobel per l'economiabilancio». Se lo Stato spende 100 per noi ma poi ci tassa 100, cioè realizza il pareggio, «noi cittadini e aziende andiamo a zero nel portafogli: e come faranno cittadini e aziende a rilanciare l’economia se per anni andranno a zero coi loro risparmi?».

    Senza l’apporto dei soldi dello Stato, i risparmi di cittadini e aziende non bastano: e se si taglia lo Stato, chi può investire in produzione e in posti di lavoro? «Solo se lo Stato può iniettare denaro nuovo in quel contenitore più di quanto gli tolga in tasse». Ovvero: solo se non si farà nessun pareggio di bilancio, «noi cittadini e aziende avremo risparmio da investire in economia e occupazione».  Ma questa iniezione vitale, aggiunge Barnard, «è possibile solo con una moneta che lo Stato può creare per sé: cioè una moneta sovrana, non l’euro». Ce lo stanno gridando da mezzo mondo, da Wall Street, dal “Financial Times”, da “Standard & Poor’s”, da Paul Krugman, «persino la Goldman Sachs lo ammette». Eppure, per la leadership europea, «dobbiamo essere spolpati vivi».